Intervista a Monti, neo presidente del Consorzio il Biologico

Massimo Monti

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Massimo Monti, da ieri, è il nuovo presidente di Consorzio il Biologico. Il vice presidente è Paolo Pari.

La sua nomina rappresenta un momento di cambiamento all’interno del Consorzio, perché arriva dopo tanti anni di presidenza di Lino Nori (storico fondatore recentemente scomparso, ndr. Vedi news) e in un contesto di mercato differente rispetto a quello che ha caratterizzato il settore nel tempo.

Dal 2004 amministratore delegato del Gruppo Alce Nero e dal 2017 vice presidente del Consorzio il Biologico, Monti sostiene la necessità di promuovere i consumi a tutti i livelli della filiera: “Partendo dal presupposto che la richiesta di biologico sia basata su requisiti quali la qualità eccellente dei prodotti e la corretta remunerazione – commenta il neo presidente a Greenplanet – , dobbiamo agire sulla formazione e la promozione di una cultura alimentare attenta alla sostenibilità a 360° e al bio. Il CdA sarà dunque chiamato a trovare una strategia condivisa, volta ad aumentare la percentuale di consumi bio rispetto al totale del Food in Italia. Si tratta di un 4% che non rende merito al sistema produttivo nostrano e che ci pone davanti a una grande sfida. In questo senso, il nostro contributo è fondamentale e su questo dobbiamo concentrarci”.

Sul lato dell’offerta, per Monti è quanto mai importante continuare a lavorare per rendere la filiera più forte e coesa. “Sono davvero contento che alla vice presidenza sia stato eletto il direttore di Almaverde Bio Paolo Pari. È un professionista che stimo molto e al tavolo del Consorzio potremo collaborare con profitto, al servizio del biologico e a vantaggio dell’intero sistema”.

La creazione di maggiori sinergie tra operatori del settore per Monti va di pari passo alla promozione. Per portare avanti questo duplice impegno Consorzio Il Biologico conferma per il 2022 la presenza alle principali fiere di settore italiane ed estere.

Conclude Massimo Monti: “Sono onorato dell’incarico ricevuto; lavoreremo per l’ulteriore sviluppo di questa importante Comunità del biologico italiano, partendo dai valori fondanti e dall’importante eredità che il mio predecessore Nori ha lasciato”.

Nato nel 1988 Consorzio il Biologico oggi associa 165 imprese operanti nella produzione, nella trasformazione e nella distribuzione di prodotti agricoli e alimentari ottenuti con il metodo dell’agricoltura biologica.

Nel 2019, con TÜV Nord, uno dei colossi mondiali della certificazione, il Consorzio ha costituito la holding OICOS, che detiene la proprietà di CCPB, organismo leader per le certificazioni del settore biologico e della sostenibilità.

Chiara Brandi

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ