Nomisma: Bio made in Italy e Cina binomio vincente nel 2020

cina_bio

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Con un valore di 8 miliardi di euro, la Cina rappresenta il quarto mercato al mondo per consumo di prodotti biologici, l’8% sul totale delle vendite globali di prodotti bio. Sono questi alcuni dei dati di cui si è discusso nel Focus Cina presentato in occasione del secondo webinar online del progetto  ITA.BIO. La  piattaforma, promossa da ICE e Federbio e curata da Nomisma, ha l’obiettivo di fornire dati,  informazioni e  servizi a supporto dell’internazionalizzazione del biologico Made in Italy.

Il Covid-19 ha rappresentato un fattore di accelerazione del consumatore cinese in termini di ricerca del benessere, attenzione alla salute e ruolo del cibo per la sua salvaguardia, fattori che hanno impresso un importante effetto-traino per i prodotti biologici.

Il marchio biologico non è però l’unico elemento che conta nella scelta da mettere nel carrello. Il consumatore richiede coerenza e sostenibilità a 360°:  il 29%  degli user bio ritiene importante che la confezione sia eco-friendly o che il prodotto sia stato fatto rispettando l’ambiente (minori emissioni di CO 2, zero sprechi, uso di energia rinnovabile ecc…). Il secondo criterio di scelta dei prodotti bio è l’origine (22% complessivamente fa attenzione a questo aspetto quando fa la spesa bio), preferibilmente da paesi stranieri di cui si apprezza la qualità (12%).
L’Italia risulta al primo posto tra i Paesi che producono i prodotti di maggiore qualità secondo il consumatore cinese, sia relativamente ai prodotti alimentari in generale (17% indica “Italia” quando pensa ad un Paese produttore di eccellenze del FOOD & BEVERAGE) che per quelli a marchio bio (18%).

“L’accordo già sottoscritto tramite FederBio Servizi con l’organismo di certificazione cinese CHINA  ORGANIC FOOD CERTIFICATION  CENTER,  il  supporto  di  Bologna  Fiere  China  e  l’attività di analisi dei mercati svolta in collaborazione con Nomisma, integrata al sistema ICE e al desk dedicato attivato da FederBio, forniscono alle aziende italiane che vogliono avviare o consolidare la presenza sul mercato  cinese, informazioni, assistenza e contatti utili per orientare con successo le proprie strategie commerciali e incrementare le esportazioni del bio Made in Italy”,  ha dichiarato nel corso del webinar Paolo Carnemolla, Segretario Generale di FederBio.

Maria Ida Settembrino

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

Biosila, obiettivo filiera a Cm0

Sull’altopiano calabrese i prodotti lattiero-caseari dell’Azienda Agricola Biosila hanno la certificazione bio fin dal 1992, a garanzia della qualità e della genuinità. Secondo i metodi

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ