Convegno CSO Italy-Nomisma: la pandemia ha accelerato una deriva Green

webinar-CSO-Nomisma

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

L’anno della pandemia ha ridefinito la mappa del consumo di ortofrutta in Italia. La consapevolezza del cambiamento in atto dopo un anno di epidemia da Covid-19, le sfide che si prospettano e le opportunità da cogliere appaiono chiare ai protagonisti della filiera ortofrutticola. È quanto emerso nel corso dell’evento online “L’ortofrutta nello scenario post Covid: come sono cambiati imprese, mercati e consumatori dopo un anno di pandemia” promosso e organizzato da CSO Italy e Nomisma, nell’anno dedicato dalle Nazioni Unite all’ortofrutta.

“Durante questi mesi si sono verificati fenomeni che confermano atti passati e che hanno subito un’accelerazione in seguito al ridefinirsi dello scenario generale”, ha esordito il direttore di CSO Italy Elisa Macchi.

In questo senso nella nuova mappa dei valori – secondo Ersilia Di Tullio di Nomisma – acquisiranno sempre maggiore importanza rispetto al passato: la preferenza per l’ortofrutta di origine italiana (sarà più rilevante per il 45% degli italiani), con una forte impronta “local” (35%); l’attenzione alla qualità, intesa come prodotto di stagione (42%), fresco (33%) e con garanzie di tracciabilità (34%) e la spinta al “green”, sia in termini di packaging riciclabile\ecosostenibile (36%) che di produzioni biologiche (23%). Infine, crescerà anche l’attenzione al prezzo, ma in maniera meno marcata (27%)”.


Ed è proprio rispetto all’attenzione al prezzo che Silvia Zucconi di Nomisma ha fatto un’importante riflessione: “Se è vero che all’interno di questa deriva green rientra pienamente anche il packaging (lo afferma con sicurezza il 32% degli italiani) e se è vero che solo il 5% dei consumatori dice di non considerare le caratteristiche dell’imballaggio quando acquista ortofrutta in GDO, è altrettanto vero che ad oggi non c’è disponibilità a pagare alcun surplus per confezioni più sostenibili. Tali aumenti di costi infatti, per i consumatori devono ricadere sul produttore o sull’insegna”.

Chiara Brandi

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

Biosila, obiettivo filiera a Cm0

Sull’altopiano calabrese i prodotti lattiero-caseari dell’Azienda Agricola Biosila hanno la certificazione bio fin dal 1992, a garanzia della qualità e della genuinità. Secondo i metodi

La Coppa del Nonno diventa Bio-Based

La tazzina in plastica marrone della Coppa del Nonno, iconico marchio di Nestlé diventa “bio” e verrà prodotta dalla MPG Manifattura Plastica SPA di Gallarate. La multinazionale Froneri (joint venture

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ