Uova Almaverde Bio: le uova con la “carta d’identità”

3 (1)

Condividi su:

Facebook
Twitter
LinkedIn

L’uovo, alimento prezioso, ricco di elementi nutritivi, da apprezzare da solo o come ingrediente nelle cucine di tutto il mondo. Questa settimana vogliamo raccontare, sempre ancorati al mondo del biologico, l’Uovo Bio di Almaverde, con la consueta prova de L’Assaggio di GreenPlanet. Almaverde Bio, con sede a Cesena, è un importante marchio biologico in Italia, che opera, attraverso selezionati partners, nella produzione di alimenti freschi, surgelati e a temperatura ambiente, nel rispetto di norme e certificazioni che tutelano l’ambiente e la salute degli animali e dei consumatori. Le Uova Bio di Almaverde, prodotte e confezionate da Eurovo, sono uova fresche di categoria A, deposte da galline allevate all’aperto, in ampi spazi erbosi, e alimentate con prodotti vegetali provenienti da coltivazioni biologiche. Tutta la filiera produttiva, dall’allevamento al confezionamento, è controllata e certificata dal CCPB di Bologna.

Ogni uovo ha una propria identità, indicata sul guscio, che ne specifica il tipo di allevamento, lo stato di produzione, il codice Istat del comune di produzione, la provincia di produzione, il nome, il luogo dell’allevamento in cui la gallina ha deposto l’uovo e la data di scadenza. L’uovo è di medie dimensioni. Il colore del tuorlo appare di un arancio vivace.

Il packaging è un cartoncino verde degradabile, compostabile e smaltibile nella raccolta differenziata. Contiene 4 uova per un peso netto di 230 grammi. Al suo interno presenta la legenda per orientarsi nell’interpretazione del codice identificativo riportato su ogni uovo.

Il prezzo nella GDO si colloca tra l’1,50 € e i 2 €.

Uovo promosso con la votazione di 4/5.

Tutto il buono dell’uovo, tutto il buono del Bio. “Gustiamoci il biologico” che Almaverde Bio porta in tavola con freschezza e genuinità garantite.

Stefania Tessari

Seguici sui social

Notizie da GreenPlanet

news correlate

L’abbaglio dei carabinieri forestali

In relazione all’articolo “Biscotti dalla dicitura ingannevole, multa ad un noto marchio bio”, il nostro lettore Roberto Pinton ci invita a pubblicare una nota, che

Nella GDO la sfida da vincere

Avvio questa mia column su Greenplanet con l’intenzione di creare un piccolo spazio di riflessione, aperto al dialogo se qualche lettore lo vorrà. Partiamo da

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ