Francia, in 5 anni raddoppia il consumo di bio

Francia

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Agence Bio, l’Agence Française pour le Développement et la Promotion de l’Agriculture Biologique, ha presentato in una conferenza stampa i dati del settore per l’anno 2020. Il quadro che ne emerge è quello di una Francia che presenta una crescita del biologico più forte, più solida e più regolare rispetto a tutti gli altri Paesi europei.

Nel 2020 in Francia gli ettari coltivati a biologico sono saliti a 2,55 milioni (1.956.085 ha la SAU certificata, 592,592 ha quella in conversione), raggiungendo il 9,5% sulla SAU totale, che vuol dire circa 1 ha su 10 coltivato in biologico. In 5 anni la superficie in biologico è raddoppiata con circa 250.000 ha supplementari ogni anno. Nei confronti con gli altri paesi europei leader del settore, tra il 2018 ed il 2019 la Francia è cresciuta di 259.492 ha, la Spagna di 108.441 ha, la Germania di 92.520 ha, l’Italia di 35.191 ha e l’Austria di 32.705.

Crescono anche gli “attori” del settore bio, produttori e distributori: nel 2020 le aziende agricole sono aumentate di 5.994 unità, le imprese impegnate nel settore di 2.704 unità. Le aziende agricole bio rappresentano il 18% dell’impiego nel settore agricolo, e l’insieme della filiera bio è caratterizzata da 200.000 impieghi diretti a tempo pieno nel settore.

Per quanto riguarda il mercato, due terzi dei prodotti biologici consumati dai francesi sono di origine nazionale. Solo il 21% sono importati (ad esclusione dei prodotti di origine tropicale).  Tra i prodotti bio consumati in Francia a seconda dell’origine, il 67% sono francesi, il 18% originari dell’UE e il 15% di altra origine. Il 99% dei vini o delle bevande alcoliche, il 99% delle uova, il 98% di latte e prodotti lattiero-caseari, il 95% delle carni fresche e trasformate, il 78% dei legumi sono di origine esclusivamente francese.

In 5 anni, il consumo dei prodotti biologici è raddoppiato: essi rappresentano il 6,5% della spesa alimentare domestica nel 2020. Il mercato è passato da 3,7 miliardi nel 2010 a 6,7 nel 2015 fino a raggiungere i 13,2 miliardi nel 2020 (+12,2% in un anno, rispetto al 3,4 dell’aumento totale del consumo alimentare). Per i consumi, a livello europeo, la Francia si pone al secondo posto dopo la Germania e prima dell’Italia, seguita al quarto posto dalla Gran Bretagna.

Fonte: SINAB/Agence Bio

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ