Successo di piazza per la BioDomenica 2011

biodomenica_1.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Dal Piemonte alla Sicilia le piazze d’Italia si sono colorate con i mercatini biologici in vendita diretta e gli eventi ludico-culturali organizzati nell’ambito della XII BioDomenica. Un’edizione esplicitamente dedicata ai valori sociali, ambientali ed economici del bio, per andare incontro alle esigenze dei cittadini che cercano un consumo sempre più critico e responsabile.

“Il biologico è una risposata concreta alla crisi economica e climatica, promuoviamo un modello economico che crea occupazione in particolare giovanile e pone il rispetto dell’ambiente e la qualità del cibo al centro del nostro agire" – commenta Andrea Ferrante, presidente nazionale dell’AIAB. 

“Anche per l’edizione 2011 della BioDomenica – prosegue Ferranteè stato proprio questo il nostro sforzo: portare in piazza un nuovo modo di fare economia basato su un diverso modello di produzione e distribuzione e farlo incontrare con i cittadini che si approcciano al consumo in modo responsabile per dare una risposta concreta alla crisi”.

“I consumatori italiani hanno oggi la possibilità di acquistare prodotti biologici locali di qualità al giusto prezzo direttamente dagli agricoltori attraverso la nostra rete di vendita diretta di Campagna Amica (www.campagnamica.it) che può contare su migliaia di punti vendita tra spacci aziendali, mercati e botteghe, dove hanno fatto acquisti 8,3 milioni di italiani in un solo anno” ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che “la sfida deve partire dalle scuole con un milione e mezzo di bambini che ogni giorno pranza in mensa dove occorre aumentare l’offerta di pasti con cibi di stagione e locali. Un impegno da realizzare – ha concluso Marini in un Paese come l’Italia che è l’unico al mondo che può contare sulla leadership europea nella produzione biologica (con un milione di ettari coltivati e quasi cinquantamila imprese) e nell’offerta di prodotti tipici con ben 229 denominazioni di origine riconosciute a livello comunitario ma anche su ben 4.606 specialità tradizionali censite in tutte regioni”.

Ma il bio non è solo buono, giusto e conveniente, è anche ‘green’. Un fattore che, in epoca di mutamenti climatici, diventa sempre più determinante. Non a caso la Commissione europea, per rispettare gli impegni assunti a livello internazionale di riduzione delle emissioni di gas serra dell’80-95% entro il 2050 (rispetto ai livelli del 1990), ha fissato degli obiettivi di mitigazione al settore agricolo che dovrebbero prevedere una diminuzione tra il 42-49% delle emissioni. In tutto lo Stivale i cittadini testano la convenienza della filiera corta contribuendo al successo della BioDomenica 2011, la campagna nazionale per il biologico.

Il sistema agricolo – ha dichiarato il direttore generale di Legambiente Rossella Muroni presente all’appuntamento romano – ricopre un ruolo fondamentale nell’ambito del dibattito sul clima, considerata la relazione di causa-effetto che unisce il sistema agroalimentare ai cambiamenti climatici e viceversa. Per quanto riguarda l’Italia, le emissioni di gas serra dell’agricoltura hanno già mostrato un trend in riduzione del 15%, ma l’agricoltura e la silvicoltura hanno le potenzialità per raggiungere ulteriori obiettivi di mitigazione, a condizione che vengano messe a disposizione risorse aggiuntive rispetto a quelle attualmente previste, per l’incentivazione delle pratiche agricole orientate a una migliore gestione dei suoli agricoli, dei pascoli, dell’irrigazione, al recupero dei suoli organici e alla produzione di bioenergia”.

Ad oggi, diversi studi scientifici hanno evidenziato come l’agricoltura biologica rappresenti una valida alternativa a quella convenzionale per quanto riguarda la minore emissione di gas serra, i minori consumi energetici e la maggior capacità di adattamento alle variazioni climatiche. Pratiche sostenibili in agricoltura potrebbero ridurre del 90% circa le emissioni climalteranti, con effetti positivi anche per la riduzione di fame e povertà. L’applicazione dei principi cardine dell’agricoltura biologica permette, infatti, di incrementare la sostanza organica garantendo una maggiore fertilità dei terreni, di accumulare la CO2 nel terreno e di risparmiare energia.


Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

Al via la seconda edizione Bio in Sicily

Dal 1 al 3 ottobre 2021 Bagheria ospiterà nella prestigiosa Villa Palagonia, la seconda edizione Bio in Sicily, una tre giorni dedicata all’agricoltura, alla pesca mediterranea

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ