EU Organic Awards: nessun italiano tra i premiati

EU Organic Awards

Condividi su:

Facebook
Twitter
LinkedIn

Sono stati annunciati il 25 settembre, in una cerimonia pubblica, gli otto vincitori della seconda edizione degli EU Organic Awards. I riconoscimenti consegnati agli imprenditori del settore bio (agricoltori, trasformatori, dettaglianti, ristoratori e comunità locali) sono stati: tre a operatori austriaci e uno a testa in Germania, Spagna, Irlanda, Grecia e Portogallo.

I 24 candidati sono stati selezionati tra quasi 100 domande provenienti da tutta l’Unione Europea. Lo schema degli EU Organic Awards comprende 7 categorie e 8 premi individuali. Essi riconoscono progetti eccellenti, innovativi, sostenibili e ispiratori che producono un vero valore aggiunto per la produzione e il consumo biologico.

Ecco gli otto vincitori:

  • Miglior agricoltore biologico (femminile): Ms Clara Benito Pacheco dalla Spagna,
  • Miglior agricoltore biologico (maschile): Mr Thomas Moschos dalla Grecia,
  • Migliore regione biologica: la regione del Burgenland in Austria,
  • Migliore città biologica: Vienna in Austria,
  • Miglior bio-distretto biologico: Idanha-a-Nova in Portogallo,
  • Migliore PMI di trasformazione alimentare biologica: il Merry Mill dall’Irlanda,
  • Miglior rivenditore biologico: Gut Wulksfelde dalla Germania,
  • Miglior ristorante/servizio alimentare biologico: Luftburg – Kolarik im Prater dall’Austria.

Dopo la cerimonia, il presidente di IFOAM Organics Europe, Jan Plagge, ha celebrato i vincitori: “Gli EU Organic Awards mettono in mostra il ruolo della catena di approvvigionamento biologico in un sistema agrifood sostenibile, in linea con gli obiettivi delle strategie EU Farm to Fork e Biodiversity. Come parte di IFOAM Organics Europe, elogio i vincitori per aver illustrato il potenziale trasformativo del biologico. I loro successi mettono in luce la crescente importanza del biologico e la sua convergenza con il Piano d’Azione Europeo per il Biologico. Congratulazioni a tutti i partecipanti!”

Eduardo Cuoco, Direttore di IFOAM Organics Europe, ha aggiunto che “L’approccio sistematico del biologico all’alimentazione e all’agricoltura è una strada da seguire per rendere il nostro sistema alimentare più indipendente da input esterni, meno intensivo in input e più resiliente.”

Il settore bio “è cresciuto continuativamente per anni, ora c’è qualche preoccupazione per i dati italiani, che mostrano per la prima volta una flessione, seppur lieve, del fatturato del settore”. Lo ha affermato Leonardo Pofferi, responsabile delle politiche europee di Alleanza Cooperative Agroalimentari, e vicepresidente del Cogeca durante la partecipazione all’edizione 2023 dei Premi europei del biologico. “D’altro canto – ha precisato – ci troviamo nel primo anno di applicazione della nuova PAC che con gli eco-schemi potrebbe contribuire ad aumentare le superfici a bio e, in questa fase, è importante non contrapporre agricoltura convenzionale e bio” ha concluso.

 

Seguici sui social

Notizie da GreenPlanet

news correlate

Darbo, da oggi anche nella linea Bio

Darbo lancia la nuova linea Bio, con frutta di qualità accuratamente selezionata. La produzione inizia là dove crescono i frutti migliori. Soprattutto la scelta del

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ