Copa-Cogeca: obiettivi F2F raggiungibili con i dovuti sostegni

STANDARD GP 1 (6)

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lo scorso marzo il Copa e la Cogeca “hanno accolto con favore” i principi generali proposti dalla Commissione europea nel suo piano d’azione per l’agricoltura biologica. Per raggiungere l’obiettivo del 25% di terra coltivata secondo i principi dell’agricoltura biologica, sarà però “necessario discutere in modo più preciso una direzione chiara e opzioni concrete per gli agricoltori”. Il primo luglio scorso il Copa e la Cogeca hanno pubblicato un position paper sui tre assi della strategia, esprimendo le proprie riflessioni sulla via da seguire.

L’agricoltura biologica è in costante crescita nell’ultimo decennio (62% in dieci anni), da 8,5 milioni di ettari nel 2010 a 13,8 milioni di ettari nel 2019. Nel frattempo i consumatori dell’UE sono sempre più interessati a questo metodo di produzione. Tuttavia, l’attuale superficie agricola dell’UE dedicata all’agricoltura biologica è all’8,5%, lontano dall’ambizioso obiettivo del 25% presentato nella strategia Farm to Fork. “Anche se l’obiettivo da raggiungere in nove anni è molto ambizioso, ci sono modi per migliorare la quota dell’agricoltura biologica in un sistema che deve rimanere guidato dal mercato come avviene nella proposta della Commissione”.

Il piano d’azione concentra la sua attenzione su come stimolare la domanda e garantire la fiducia dei consumatori. Per il Copa e la Cogeca la promozione dell’agricoltura biologica e del suo logo UE “sarà una parte importante della strategia e riteniamo che il settore biologico – si legge in una nota – debba essere sostenuto dalla politica di promozione, in una certa misura anche al di sopra della sua quota di mercato. Tuttavia, se vogliamo veramente garantire una sana crescita del settore, dovremo garantire che lo sviluppo del mercato europeo non sia pesantemente influenzato dall’aumento della concorrenza dei prodotti extracomunitari mentre la PAC dovrebbe concentrare il suo sostegno sul processo di transizione”.

Per quanto riguarda il bestiame, uno dei principali ostacoli alla transizione rimane la mancanza di mangimi biologici di provenienza europea. Nel 2019, le importazioni di panelli sono aumentate del 13% (386 tonnellate) mentre le importazioni di semi di soia sono aumentate del 25% nello stesso anno (357 tonnellate di panelli totali). L’80% di tutti i panelli biologici importati nell’UE proviene dalla Cina. “C’è una chiara e forte necessità – dicono – di aumentare la produzione di mangimi proteici biologici europei se vogliamo sostenere la conversione del settore zootecnico convenzionale al biologico. Il mangime proteico biologico non è solo una questione di quantità ma anche di qualità. Promuovere la produzione di mangimi proteici biologici di alta qualità per ridurre la dipendenza europea dalle importazioni extraeuropee di proteine biologiche offrirà interessanti opportunità”.

Ancora, gli agricoltori biologici e le cooperative agricole europee “devono disporre della cassetta degli attrezzi adeguata per proteggere colture e raccolti dai cambiamenti ambientali. Per raggiungere il 25% dell’agricoltura biologica, la ricerca e l’innovazione dovranno essere aumentate e si dovranno discutere seri sia sulle sementi che sulla protezione delle piante”.

Il Copa e la Cogeca si concentrano anche sulla sfida dello sviluppo dell’acquacoltura biologica. Le massicce importazioni di pesce da Paesi extra UE, le complicate pratiche di gestione e la mancanza di input adeguati, “richiederanno ai legislatori di fornire un chiaro sostegno agli allevatori di acquacoltura biologica europea”.

 

 

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ