Carnemolla: Il bio volano di crescita economica

trattore%20bio.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

‘Il 62,5% delle aziende biologiche italiane è attivo nel Sud, dove si concentra il 70,9% della superficie biologica complessiva. La Sicilia è la regione che detiene il primato per numero di aziende operanti con metodo biologico’: questi i dati del focus dell’Istat sulle aziende agricole biologiche e con produzioni di qualità in Italia.

‘L’agricoltura biologica – commenta Paolo Carnemolla, presidente di FederBio – rappresenta una delle vere opportunità per l’agricoltura italiana e per l’economia del Paese.

Come dimostrato dai dati Istat il Sud detiene il primato in termini di produzione bio; ciò significa che al Sud l’agricoltura biologica oltre a offrire lavoro, rappresenta un’opportunità per le imprese più dinamiche e può contribuire a migliorare la qualità ambientale, a favore delle altre attività economiche dei territori, turismo di qualità in primis.

Il nord si caratterizza invece per una ampia concentrazione di aziende di trasformazione e distribuzione e questo dimostra come il settore del bio è attivo in tutto il territorio italiano, facendo dell’Italia uno dei Paesi leader a livello europeo e mondiale.

La crescita costante del mercato dei prodotti biologici (+ 6,1% negli acquisti domestici nel primo semestre 2012 secondo i dati ISMEA, + 15% nell’export secondo le rilevazioni FederBio) è dunque un volano concreto per ridare competitività e crescita all’economia del nostro Paese, in particolare al sud’.

 

Seguici sui social







Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ