Biosila, obiettivo filiera a Cm0

Bio Sila

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Sull’altopiano calabrese i prodotti lattiero-caseari dell’Azienda Agricola Biosila hanno la certificazione bio fin dal 1992, a garanzia della qualità e della genuinità. Secondo i metodi praticati dall’azienda, gli animali sono liberi di pascolare in una natura incontaminata.

Il giovane imprenditore Vincenzo Abbruzzese, direttore marketing  e comunicazione è pronto ad aprirci le porte della sua immensa azienda nel cuore della Sila con una novità gustosa, rigorosamente bio: l’Agri-Gelato. Scopriamolo insieme. “Viene prodotto all’interno dell’azienda con attrezzatura innovativa. Abbiamo gusti a volontà: fragola, mirtillo, pistacchio, fior di latte, limone, melone, amarena, stracciatella. 24 ore di lavoro per creare la base del nostro gelato che non ha niente di chimico. Il nostro obiettivo commerciale è la filiera a centimetro zero. Oltre ai tantissimi clienti del retail, riusciamo a portare i produttori all’interno della nostra azienda con transiti continui di merce rivenduta all’esterno”.

E che dire dell’AgriYogurt?  Una bontà di casa Biosila a base di latte, frutta e cereali provenienti da agricoltura biologica.

Il latte fresco qui arriva direttamente dalle stalle a due passi dal caseificio, dove le 150 mucche pezzate che circolano liberamente nella fattoria ne producono almeno dieci quintali ogni giorno. Poi ci sono 1.000 tra ovini e caprini, tutti allevati semi bradi come i bovini che a loro volta danno altri quintali di prezioso latte fresco che verrà trasformato in caciocavallo e in almeno altri trenta tipi di formaggi, con un lavoro di filiera interamente svolto nella stessa azienda dalla quale ogni anno escono 40mila cacio cavalli. Allevamenti bio-certificati dal 1992, quelli della Biosila, che nel tempo si sono arricchiti dei suini neri tipici calabresi con la produzione di insaccati e salumi di alta qualità.

Non meno importanti sono poi le produzioni di patata biologica silana nella varietà Agría e Marabel e del grano segale che viene trasformato in pasta per la cucina. Ulteriore aspetto da non sottovalutare è quello relativo all’incidenza economica che l’azienda ha assunto nel corso degli anni. La moltitudine di attività che in essa si svolgono comporta l’impiego nella stessa di numerose professionalità: BioSila occupa infatti circa 40 dipendenti fra fissi e stagionali e ciò la pone tra i principali attori economici del suo territorio.

Un tuffo nel passato ci permette di scoprire che nell’azienda Biosila, si produce il Caciocavallo che piaceva tanto a Garibaldi. E non è una leggenda! L’illustre condottiero si faceva spedire il formaggio a Caprera dove trascorreva la convalescenza dopo le ferite riportate in Aspromontela.


Maria Ida Settembrino

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ