AssoBio, in crescita del 35% la base sociale

ROBERTO ZANONI

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Oltre alla creazione di un nuovo modello organizzativo, una carta dei valori condivisa e un chiaro piano d’azione per il biologico italiano, nel 2021 il proficuo operato di AssoBio ha favorito un incremento del 35% nel numero dei soci iscritti all’associazione. Ora sono 120 gli aderenti da tutta Italia, inclusi i maggiori player della GDO, della produzione e della trasformazione, i quali rappresentano circa il 70% del valore di mercato dei consumi bio italiani.

È il risultato di un anno di svolta, per l’associazione nazionale delle imprese di trasformazione e distribuzione dei prodotti biologici guidata dal presidente Roberto Zanoni, che punta ad assumere un’azione sempre più incisiva e un moto propulsivo, in un momento storico per il comparto.

“La continua crescita del settore biologico e l’incremento della base associativa di AssoBio che nel 2021 ha visto l’ingresso di 30 importanti realtà in ambito alimentare e cosmetico sono un forte segnale d’interesse verso un modo di vivere attivo, in armonia con l’ambiente e capace di offrire salute e benessere. – dichiara il presidente di AssoBio, Roberto Zanoni – Scelte consapevoli, consumo critico, biodiversità: ‘biologico’ non significa solo produzione di prodotti Bio, ma anche un modo innovativo e sostenibile di vivere, rispettare e proteggere la logica della vita, il ciclo della natura, l’ambiente che ci ospita e l’uomo. Essere un’azienda del comparto bio implica forti investimenti in innovazione e ricerca, insieme a un profondo impegno per ottenere un prodotto sano, realizzato nel totale rispetto dell’ambiente e garantito per legge”.

Alla compagine di aziende storicamente associate ad AssoBio, importanti società della produzione, trasformazione e distribuzione nazionale ora si uniscono anche i brand di: Agrifree, Ambrosiae, BIO SRL – CAPRABIO.IT, Biokyma, Carrefour, Consorzio MelindaCoop Campo, Colomba Bianca, COTRADE, Czarnikow Group Limited, Dalla Costa Alimentare Srl, Dea Nocciola, Dr. Schaer, Edenwell / Ecoprojects, Ecomarket, Forno di Campagna, Fraccaro Spumadoro, Gino Girolomoni Cooperativa Agricola, International Food, Lattebusche, Molini Pivetti Spa, Molino Favero, Molino Filippini, N&B natural is better, Noberasco, Phitofilos, PRALINA, Riso Scotti, Terre e Tradizioni, Tersan Puglia Spa, TreValli Cooperlat.

“AssoBio è una struttura associativa, senza scopo di lucro, nata per contribuire attivamente alla diffusione dell’agricoltura biologica e dello sviluppo sostenibile, sia a livello nazionale che internazionale. – prosegue l’Association Manager di AssoBio, Nadia Monti – Associarsi ad AssoBio rappresenta una scelta strategica per le aziende della comunità imprenditoriale del biologico italiano. Le sfide sempre più complesse e articolate che ci apprestiamo ad affrontare richiedono a tutti i protagonisti del settore bio di fare un passo in più: aumentare la propria massa critica, saper promuovere nuove forme di partenariato e alleanze che siano riconosciute e apprezzate, in quanto capaci di generare valore. Sempre più persone investono il loro futuro verso scelte bio, vogliamo quindi coinvolgere ancora più operatori, media, istituzioni e consumatori, per dar vita a una comunità che condivida i valori che stanno alla base di un sano sviluppo”.

Il fulcro della nuova strategia avviata dall’associazione nel 2021 è costituito da un nuovo modello organizzativo, basato su un Centro Studi collegiale (che mira a proseguire sulla linea già tracciata e fornire supporto alle attività, grazie al contributo di tecnici, esperti del settore e delle imprese socie) e da una carta dei valori fondamentali.

L’anno scorso, infatti, l’associazione si è dotata di un Codice Etico che rappresenta la “Carta Costituzionale” dell’Associazione, un insieme di diritti e doveri, anche morali, che definisce le responsabilità di imprenditori, manager e collaboratori dell’organizzazione.

AssoBio ha inoltre siglato importanti protocolli d’intesa con enti quali Assobenefit (associazione che riunisce le società benefit a livello nazionale), ISMEA (Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare), e significative collaborazioni con Nielsen e Nomisma, nonché ad avviare la redazione di un Codice di Condotta in ambito cosmetico bio per le pratiche responsabili in ambito industriale e marketing.

Fonte : Ufficio stampa AssoBio

 

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ