AIAB: Non piove da mesi e gli agricoltori Bio poco sostenuti dalla politica

Giuseppe-Romano-AIAB

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

È stata celebrata ieri, martedì 22 marzo, la Giornata Mondiale dell’Acqua. Il periodo di lunga e prolungata siccità durante il quale ricorre questa data, ha spinto l’Associazione Italiana Agricoltura Biologica AIAB a una riflessione sull’emergenza in atto, sul cambiamento climatico e sull’insostenibilità, a livello globale, del sistema di produzione.

“Il nostro pensiero e la nostra vicinanza – scrive AIAB – vanno ai produttori biologici italiani che, inascoltati e poco sostenuti dalla politica, mettono in campo da anni buone pratiche di resilienza, di riduzione dello spreco idrico nella gestione delle colture, degli allevamenti e delle filiere connesse. L’acqua è essenziale per le produzioni agricole e in questi giorni di grave crisi internazionale, molti parlano di raggiungere l’autonomia alimentare ma nessuno dice come incombe il rischio di ritornare a modelli poco sostenibili forieri, nel lungo periodo di ulteriori disastri”.

Per AIAB la risposta è cambiare modello di produzione e consumo e puntare sul biologico in modo più convinto, anche nei momenti difficili. La risposta non può essere l’aumento dell’uso della risorsa idrica accompagnato dall’uso crescente di concimi e pesticidi di sintesi perché i suoli sono ormai desertificati.

“Sul fronte del risparmio dell’acqua e della sua tutala – dice il presidente Giuseppe Romano – l’Italia ha importanti strumenti strategici da utilizzare per orientare la transizione dei sistemi agricoli senza perdere occasioni preziose come è successo per gli ecoschemi della PAC. Anche sul PNRR il potenziamento delle infrastrutture irrigue non può essere l’unica risposta, dobbiamo premiare chi agisce verso la riduzione dell’impronta idrica delle colture e dei sistemi produttivi. Non basta produrre, si deve dire come produrre e per AIAB l’agricoltura biologica è la risposta più convincente. Per tutelare l’acqua e le risorse naturali auspichiamo che lo stato italiano recuperi con le misure agroclimatico ambientali e con il sostegno al bio nel secondo pilastro quello che fino ad ora è stato disatteso”.

Fonte: Ufficio stampa AIAB

 

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ