AIAB, il biologico italiano può migliorare

aiab%20logo.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Anche il presidente di AIAB, Alessandro Triantafyllidis, ha commentato i dati recentemente diffusi dal SINAB (Sistema di Informazione Nazionale sull’Agricoltura Biologica realizzato dal Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali) che mostrano un’ulteriore crescita del mercato del biologico italiano. ‘Lo stato di salute del bio è positivo ma non soddisfacente – commenta Alessandro Triantafyllidis – il numero degli operatori registra un lieve aumento dallo scorso anno (circa +1,3%) mentre le superfici sono diminuite di un -1.5%.

 

Nel contempo il mercato continua a dare segni tangibili di crescita, che dimostra quanto i cittadini apprezzino i prodotti biologici. Un dato del SINAB però conferma la nostra preoccupazione: le aziende zootecniche in Italia sono in calo del 6,4%, frutto di una politica miope di molte regioni sul sostegno all’allevamento biologico’.

‘In un momento di crisi globale come quello che stiamo vivendo – conclude Triantafyllidis – è necessario che il governo punti al rafforzamento di un settore in salute come quello biologico che ha ancora un potenziale inesploso. E’ cruciale puntare sulle filiere biologiche nazionali, semplificare e rafforzare il sistema di controllo e prestare maggiore attenzione sulla discussione in atto a Bruxelles per le politiche agricole comunitarie’.

 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

Il mondo del Bio contro gli OGM

Le organizzazioni dei produttori biologici, dell’agricoltura contadina e della società civile esprimono profonda preoccupazione rispetto alla posizione della Commissione europea che si è espressa a

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ