Veleno nell’insalata, la vendetta dei topi

foto-8.JPG

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Si è concluso l’11 marzo il periodo di graduale eliminazione dei test sugli animali per i prodotti cosmetici in Europa.

Da lunedì scorso i cosmetici sperimentati sugli animali non possono più essere commercializzati nell’Unione europea. In una comunicazione adottata quel giorno, la Commissione ha infatti confermato il suo impegno a rispettare il termine fissato dal Consiglio e dal Parlamento nel 2003 e ha spiegato come intende continuare a sostenere la ricerca e l’innovazione in questo settore promuovendo al contempo il benessere degli animali in tutto il mondo.

Il Commissario europeo responsabile per la Salute e la politica dei consumatori, Tonio Borg, ha dichiarato: ‘L’entrata in vigore del divieto completo di commercializzazione costituisce un segnale importante del valore che l’Europa attribuisce al benessere degli animali. La Commissione continua a sostenere lo sviluppo di metodi alternativi e a dialogare con i paesi terzi per convincerli a seguire l’Europa sulla stessa strada. Per l’Europa si tratta di un’occasione importante per dare un esempio di innovazione responsabile nel settore dei prodotti cosmetici senza scendere a compromessi sulla sicurezza dei consumatori’.

E’ una buona notizia. Lo sottolineiamo perché è una decisione che ci rimette un po’ in pace con la natura che così spesso non viene rispettata o non viene considerata come il bene preziosissimo e vitale che a tutti gli effetti è.

Una brutta notizia dell’ultima settimana è stata invece il reperimento di veleno per topi in una partita di insalate spedite dall’Italia, dalla provincia di Salerno, alla Germania, nell’area di Francoforte, via Verona.

La notizia è brutta non solo perché non passa settimana che non venga messa in discussione la sicurezza alimentare di cui, soprattutto in Europa, ci riempiamo la bocca in convegni, fiere e incontri di ogni tipo. E’ brutta anche perché, ancora una volta, non c’è un colpevole. Sembra non sia stato nessuno. Che ce l’abbiano messo i topi, il topicida nelle insalate, per vendetta? Potrebbe essere un filone d’indagine.

Antonio Felice

editor@greenplanet.net 



 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

La lobby che non piace a Federbio

L’editoriale del 30 agosto (Due lobby che si scontrano) ha sollevato molteplici reazioni, critiche ed è stato oggetto di dietrologie. E’ stato anche letto da

Editoriale. Due lobby che si scontrano

L’uscita del Consorzio il Biologico di Bologna, società collegata all’organismo di certificazione CCPB, dalla Federazione di settore FederBio, è sfociata oggi, con l’intervento del presidente

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ