Servono azioni coordinate negli Enti locali

VNMZ_cycle_0.png

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Un manuale per la gestione dei cambiamenti climatici a disposizione sul web, gratuitamente, degli enti locali, in varie lingue, italiano compreso.

E’ il risultato del progetto europeo ”Champ – risposte sociali al cambiamento climatico”, progetto gestito da un consorzio di sette partner di quattro nazioni (Italia, Germania, Finlandia e Ungheria).

L’obiettivo è aiutare i governi delle città europee, responsabili di oltre il 50% delle emissioni di gas serra derivanti dall’uso dell’energia nelle attivita’ umane, a mettere in pratica strategie integrate d’azione.

”Negli enti locali i compiti vengono affrontati in modo settoriale, con un aumento dei carichi di lavoro e risultati insoddisfacenti”, ha spiegato Emanuele Burgin, presidente del Coordinamento delle Agende 21 Locali italiane, uno dei partner di Champ. ‘Per questo, nell’ambito del progetto, ci siamo impegnati a realizzare un manuale disponibile online che tutti i Comuni e le Province potranno scaricare per adottare un approccio migliore’.

Il manuale si chiama ‘Gestione Integrata. Verso una sostenibilità locale e regionale’ e raccoglie in meno di 30 pagine i principali elementi teorici e una sintesi di interventi corretti già adottati in alcune città e province italiane come Padova, La Spezia, Mantova e Ancona e la Provincia di Siena. Qui i vari settori lavorano in modo coordinato, cooperando per un obiettivo comune e aiutando la città ad agire tempestivamente.

I fattori principali da tenere sotto controllo sono: gli investimenti in tecnologie pulite delle attività industriali, il riscaldamento degli edifici scolastici e ospedalieri, gli effetti degli acquisti degli enti locali sul consumo di risorse naturali e sulla produzione di rifiuti. ‘Sono in primis gli assessori e i dirigenti delle amministrazioni a dover invertire la rotta o modificarla. Il cambiamento climatico – sottolinea Burginnon si sconfigge con grandi gesti plateali portati avanti da singoli eroi, ma con tante piccole azioni coordinate condivise su più fronti e nel lungo periodo, innanzitutto attraverso la condivisione delle informazioni tecniche tra figure professionali diverse’.



Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ