Miele+, la novità di Mielizia Bio contro cattiva informazione e frodi

STANDARD PER SITO GREENPLANET (8)

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Una novità per Mielizia, un prodotto energetico e una ricetta ispirata al miele come veniva utilizzato dai nostri antenati. Miele+ si inserisce in una dinamica di mercato che vede l’interesse verso i prodotti dell’alveare in grande crescita. In questo contesto, secondo Laura Betti, Brand manager Mielizia, “è importante creare sinergie tra filiere virtuose”, tenendo presente che i veri “concorrenti” sono, ad esempio, fattori quali la cattiva informazione, la contraffazione e frodi.

“Miele+ esprime al massimo la nostra filiera e le sue potenzialità – ha spiegato Laura Betti – un vasetto da 250g racchiude infatti un mix perfetto di tre prodotti dell’alveare italiani, biologici e dei nostri apicoltori: miele, polline e pappa reale fresca”. Completa, poi, la ricetta l’olio essenziale di limone biologico italiano, che dona una nota di freschezza alla preparazione.

Le ragioni del nome sono presto spiegate: si chiama Miele+ perché è “+ energetico, grazie al miele, un dolcificante nobile e naturale, energia subito disponibile, + proteico grazie alle proteine vegetali del polline, + ricco di vitamine grazie alla pappa reale fresca, l’elemento più ricco di vitamina B5 esistente in natura”.

Questo prodotto si presta ad essere consumato a colazione, come riserva naturale di energia per tutta la giornata, ma anche durante periodi di cambio di stagione, di stress o particolare stanchezza fisica o mentale e prima di un evento sportivo, da provare anche tal quale, nel latte, in infusi e tisane o con lo yogurt.

“Miele+ nasce dunque dall’esigenza di rispondere a un pubblico attento a materie prime selezionate e bio, che cerca un prodotto energetico, ma totalmente naturale, a sostegno delle attività della vita quotidiana, ma anche per l’attività sportiva – ha raccontato Laura Betti – l’obiettivo che si pone è quello di proporre un’idea di integrazione sana e alternativa, di far conoscere anche altri prodotti dell’alveare oltre al miele, in un mix funzionale, ma particolarmente gustoso e gradevole, adatto a tutti i periodi dell’anno, non solo in inverno”.

Il mercato del biologico, nel caso del miele, continua a dare soddisfazioni e a crescere, seppur in modo moderato: “Il trend di maggiore interesse per i prodotti dell’alveare è espressione non solo della consapevolezza delle numerose proprietà di questi prodotti, ma anche della crescente attenzione al mondo delle api e degli apicoltori”. Scegliendo prodotti di filiera italiana, certificati e di alta qualità, “si sostiene l’attività degli apicoltori che oggi, come non mai, sono custodi delle api e le proteggono dalle numerose minacce che le mettono in pericolo”.

In questo contesto, è giusto identificare anche le criticità che, secondo Laura Betti, “ormai si riscontrano da anni e sono principalmente legate alle minacce che mettono in pericolo le api stesse”. La prima è rappresentata dai cambiamenti climatici: “Inverni miti, primavere piovose, siccità, fenomeni meteorologici estremi, vanno a depauperare il nostro territorio e a privare le api del nutrimento necessario per la sopravvivenza”. Altre minacce sono i pesticidi usati in agricoltura intensiva. Sono tutti fattori che aumentano la complessità, riducendo i raccolti di miele e impattando sulle materie prime, “non dimentichiamo, infatti, che le api sono fondamentali per la produzione di una grande parte del cibo che mangiamo e dei prodotti che utilizziamo comunemente, se non ci fossero le api, non resterebbero che pochi anni di vita alla Terra”.

A questo quadro si aggiungono, infine, le criticità legate alle difficoltà di approvvigionamento dei materiali e ai rincari energetici, che mettono in difficoltà tutta la filiera.

A Laura Betti abbiamo infine chiesto se la barbabietola bio possa rappresentare un concorrente per il mercato dei dolcificanti bio. La risposta è stata netta: “No, ogni prodotto ha il suo consumatore ed anzi le sinergie tra filiere virtuose sono un’occasione di arricchimento reciproco e di possibilità di crescita”.

Ogni miele ha caratteristiche e sfumature diverse ed è espressione del territorio di raccolta. Inoltre, il miele, nel panorama dei dolcificanti, spicca per diverse ragioni, secondo la Brand Manager di Mielizia: “È un prodotto naturale, vivo, sempre vario, ricchissimo di proprietà, ha un alto potere dolcificante, ma minor apporto calorico, è unico nel suo genere e in questo senso, senza rivali”. I veri “concorrenti” sono altri: “la cattiva informazione, contraffazione e frodi, purtroppo sempre frequenti”.

Stefania Tessari

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

Anche in Trentino crescono i vigneti bio

Nell’incontro annuale della Fondazione Edmund Mach, nella sede di San Michele all’Adige, in Trentino, è stato evidenziato che il consumo di vino biologico a livello mondiale è più

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ