L’Ungheria nella Top Ten dei produttori di bio più dinamici

Ungheria

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

L’Ungheria è tra i primi dieci produttori bio al mondo per crescita e sviluppo. A riportarlo di recente è l’Istituto di ricerca per l’Agricoltura biologica ungherese (ÖMKi) sulla base del rapporto “Statistiche di agricoltura biologica mondiale e tendenze emergenti per il 2021” dell’Istituto di Ricerca per l’Agricoltura biologica FiBL e IFOAM.

Sebbene nella superficie totale la quota di agricoltura biologica in Ungheria non sia particolarmente elevata (il 6%, mentre per la vicina Austria è del 26,1%), nel 2020 l’incremento nella superficie dedicata alla produzione biologica è stato elevato. Secondo i dati del 2019, con un incremento di 93.800 ettari nella superficie destinata all’agricoltura biologica, l’Ungheria si piazza al decimo posto tra i Paesi che hanno mostrato la crescita maggiore in terre coltivate biologicamente nel mondo. Negli ultimi anni, il numero di imprese che si occupano di agricoltura biologica è ugualmente aumentato ed entro la fine del 2019 tale numero aveva raggiunto le 5.600 unità.

Anche in fatto di orticoltura biologica i risultati sono positivi. Con una superficie complessiva di 6.884 ettari, l’Ungheria è al dodicesimo posto tra i maggiori produttori di frutta biologica al mondo. La quota maggiore è rappresentata da sambuco (20%), noci (oltre il 40%), susine (15-20%), come anche bacche di olivello spinoso,  ciliegie e amarene.

Fonte: agroberichtenbuitenland.nl

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

USA, l’amministrazione Biden accelera sul bio

Il ministro dell’Agricoltura statunitense Tom Vilsack, spinge l’acceleratore sull’agricoltura Biologica. Un passo avanti nello scacchiere agricolo mondiale, segnato dalla corsa in (quasi) fuori gioco dettata

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ