Tenuta Orsumella, dal cuore del Chianti agli scaffali di 30 Paesi

Selezione Green Wine

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Accrescere sempre di più la qualità dei prodotti e integrare nuove etichette alle quattro già proposte sul mercato: ecco il duplice obiettivo, raccontatoci da Emanuele Menichetti, direttore commerciale di Tenuta Orsumella. La società agricola si trova a Montefiridolfi all’interno della denominazione del Chianti Classico a 300 m.s.l. e si estende su 78 ettari di cui circa 37 adibiti a vigneto e 11 a oliveto. Tenuta Orsumella, grazie all’intervento della quarta generazione della famiglia, presenta ora una struttura aziendale innovativa e giovane ed è presente in oltre 30 paesi nel mondo. Il mercato estero rappresenta l’85% delle vendite. “Amore, Qualità, Sostenibilità sono le parole che ci identificano”, afferma Emanuele Menichetti, che ci ha concesso questa intervista.

– Quando inizia la storia di Orsumella? 

La nostra azienda agricola nasce negli anni ’50 con Giovanni e Francesco Menichetti e sviluppa fin da subito l’attività di viticoltura con grande dedizione e passione verso i nostri vigneti. Inizialmente la produzione era tutta o quasi destinata alla vendita del vino sfuso e di olio extravergine di olive di eccellente qualità.

– Come è evoluta poi l’azienda? 

Col trascorrere degli anni grazie alla passione di nostro Nonno Francesco ed agli investimenti sostenuti l’azienda è cresciuta sempre di più fino a diventare una vera e propria Tenuta nella prestigiosa zona vinicola del Chianti Classico.

 – Si sono poi inserite le nuove generazioni della famiglia Menichetti, dando via ad un nuovo corso per l’azienda, mi racconta come? 

Gli anni tra il 2010 ed il 2015 rappresentano un’importante svolta per la storia della nostra azienda. La terza e quarta generazione della famiglia decidono di creare un proprio marchio aziendale per commercializzare bottiglie di vino, creando quattro diverse etichette: ORSUMELLA Chianti Classico D.O.C.G., CORTE RINIERI Chianti Classico D.O.C.G. Riserva, ORSUMELLA Chianti Classico D.O.C.G. Gran Selezione, RUBERETO Toscana I.G.T. Al contempo i forti valori di legame con il territorio e la sostenibilità ambientale spingono l’azienda a decidere di diventare biologica e pertanto ad impegnarsi ad un lungo periodo di conversione che ebbe inizio nel 2015 per poi terminare nel 2018, anno in cui l’azienda ha conseguito la piena certificazione biologica.

– Cosa è significato per voi diventare bio? 

Il processo biologico è ed è stato fondamentale per il miglioramento dei nostri vigneti e dei nostri prodotti. L’agricoltura biologica si fonda sul rispetto dell’agrosistema e dell’ambiente, basato sull’eliminazione dei prodotti chimici. I principali obiettivi raggiunti con questo genere di agricoltura hanno trasformato l’azienda in un sistema agricolo autosufficiente, che attinge alle risorse locali e salvaguarda la fertilità naturale dei nostri terreni. Viene così valorizzata al massimo la potenzialità del nostro territorio attraverso il lavoro e l’amore per la nostra terra. Abbiamo deciso di basarci su un attento lavoro di coltivazione delle uve, un accurato processo di vendemmia, a cui segue il costante lavoro in cantina. Orsumella cerca, quindi, ogni giorno, di migliorarsi per fondere una tecnologia moderna con la tradizione nel rispetto della terra.

– Quale dei vostri vini è quello che vi rappresenta di più? 

Sicuramente “Orsumella” – Chianti Classico rappresenta il cuore della nostra produzione.  È un 100% Sangiovese che rispecchia completamente il nostro territorio con una struttura chiara, forte e decisa. Dopo il periodo di fermentazione malolattica in acciaio inox, trascorre 10 mesi di affinamento in botti di rovere francese da 25 hl. Presenta un colore rosso rubino vivace. Aroma di frutti a bacca rossa maturi e note floreali di mora, prugna e violetta. Al palato ha un ingresso netto ed ampio. Il tannino fitto ma dal tatto sottile e levigato è supportato da una buona componente acida che rende piacevole la bevanda. È commercializzato in oltre trenta mercati nel mondo.

– Quali sono gli elementi che vi contraddistinguono?

Sicuramente la scelta di agricoltura biologica e prodotti biologici è un elemento importante del nostro DNA. A questo si aggiunge un lavoro costante e quotidiano nei nostri vigneti ed in cantina con i nostri enologi. Disponiamo di una flotta di macchinari agricoli di ultimissima generazione per rendere i processi di lavorazione il più efficiente possibile in termine di consumi, emissioni e rispetto del territorio. Realizziamo tutto questo nella tutela e salvaguardia totale del benessere e massimo comfort dei nostri dipendenti che sono il punto di partenza del nostro lavoro nei vigneti. Partecipiamo a tutti i più importanti eventi e fiere internazionali con i nostri responsabili commerciali sempre pronti e disponibili ad incontrare le esigenze dei mercati e dei clienti.

– Cosa vi augurate dal futuro? 

Il nostro obiettivo corre su un doppio binario. Da un lato accrescere sempre di più la qualità dei nostri prodotti, attraverso un intenso lavoro nei vigneti ed in cantina, legato al contempo allo sviluppo di una più sempre ampia rete commerciale per i nostri prodotti biologici nei mercati nazionali ed internazionali. Inoltre, abbiamo in progetto a breve di aumentare il nostro numero di etichette sul mercato, e, perché no, inserire anche un bianco nella nostra gamma.

Stefania Tessari

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ