Inquinamento da PFAS, stato di emergenza nel Veneto

1111111111111.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il 22 marzo, giornata mondiale dell’acqua, il Veneto ha dichiarato lo stato di emergenza per l’inquinamento dell’acqua causato dal PFAS. La decisione, che porta la firma del presidente della Regione Veneto Luca Zaia, è stata trasmessa al Consiglio dei Ministri. Un commissario si occuperà da vicino della questione. A confermarlo è lo stesso presidente Zaia. Interessate dall’emergenza PFAS sono le province Vicenza, Padova e Verona.

Per giungere allo stato di emergenza ci sono volute 15 sedute della Commissione consigliare regionale d’inchiesta sui Pfas per circa una settantina di ore complessive e l’audizione di una sessantina di gruppi di persone fra tecnici regionali, gestori delle acque, sindaci, referenti dei Consorzi di bonifica e dell’azienda Miteni, oltre a vari comitati territoriali. In un secondo tempo è stata stesa una relazione che fotografa la situazione del più grave inquinamento veneto dei tempi recenti. Si tratta, infatti, di un’emergenza ambientale che riguarda più di 350 mila persone. I fiumi e l’acqua potabile di molti comuni sono inquinati da questi composti che possono causare danni al sistema riproduttivo e ormonale e si sospetta siano cancerogeni.

I PFAS, usati come impermeabilizzanti per tessuti e pentole, fanno parte del più ampio gruppo dei PFC (composti poli e per-fluorurati), sostanze di cui già Greenpeace chiede l’eliminazione dal 2011 con la campagna Detox. Giuseppe Ungherese, responsabile campagna inquinamento di Greenpeace Italia, ha dichiarato: ‘Dopo diversi anni di sottovalutazione del problema, con la dichiarazione dello stato di emergenza chiesto dalla Regione Veneto si prende finalmente atto della gravità della situazione. Questo cambio di rotta è ovviamente finalizzato alla realizzazione di costosi nuovi acquedotti, necessari a garantire acqua potabile sicura ai cittadini.Tuttavia, se il Commissario non interverrà subito sulle fonti inquinanti, spingendo anche la Regione a completarne il censimento, è sin troppo facile prevedere che molti altri soldi pubblici dovranno essere spesi in futuro per fronteggiare l’emergenza mentre la popolazione veneta rimarrà esposta ai PFAS anche nei decenni a venire’. 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ