Il movimento Bio internazionale tra strategie, sfide e innovazione. Intervista alla presidente di IFOAM Mapusua

Karen Mapusua, presidente mondiale di IFOAM (1)

Condividi su:

Facebook
Twitter
LinkedIn

Riportiamo di seguito l’intervista integrale alla presidente di IFOAM Organics International Karen Mapusua,
di Antonio Compagnoni, International Relations Organic Production CSQA.

– IFOAM OI ha festeggiato lo scorso anno i primi 50 anni di attività, in sintesi quali sono i principali traguardi che il movimento del biologico ha raggiunto a livello internazionale in questi anni?
“Sono stati 50 anni impegnativi! Abbiamo elaborato la definizione dell’agricoltura biologica, stabilendo il primo standard globale negli anni ’70. Abbiamo stabilito i Principi del Biologico: Salute, Ecologia, Equità e Cura nel 2005 e nel 2008 abbiamo definito l’Agricoltura Biologica come un sistema di produzione che sostiene la salute dei suoli, degli ecosistemi e delle persone. Si basa su processi ecologici, biodiversità e cicli adattati alle condizioni locali, piuttosto che sull’uso di input con effetti negativi. L’agricoltura biologica combina tradizione, innovazione e scienza a beneficio dell’ambiente condiviso e promuove relazioni eque e una buona qualità della vita per tutti i soggetti coinvolti. Questi punti di riferimento forniscono una solida base per la crescita del biologico con le sue radici saldamente nel suolo dei visionari fondatori del movimento biologico e delle popolazioni indigene di tutto il mondo che molti, molti anni prima riconobbero il legame tra suolo, pianta, animale e salute umana, e l’indivisibilità di questi. Una volta che il mondo ha iniziato a regolamentare il biologico ed è diventato più complesso e impegnativo per i coltivatori e i consumatori biologici, abbiamo lavorato per armonizzare le normative attraverso la famiglia di standard IFOAM e continuiamo a cercare di influenzare le autorità di regolamentazione per garantire che gli agricoltori non siano svantaggiati dai regimi normativi e che l’integrità delle rivendicazioni biologiche sia protetta. Man mano che la regolamentazione e il mercato si sviluppavano, insieme alla crescente consapevolezza tra i responsabili politici che il biologico ha molteplici vantaggi per l’ambiente, la salute, i mezzi di sussistenza e la crescita economica, così è cresciuto lo spazio per la creazione di ambienti di politiche positive e ci siamo impegnati attivamente in questo spazio, sviluppando kit di strumenti per i responsabili politici e istituendo il Forum per la politica alimentare biologica per il cambiamento. Questo forum consente ai responsabili politici di condividere le migliori pratiche, risolvere i problemi, apprendere e scambiare, costruendo una comunità globale di pratica attorno a politiche per il biologico. Abbiamo anche sostenuto con successo il biologico nell’agenda delle Nazioni Unite attraverso partnership con la FAO e altri forum internazionali e attraverso processi come il vertice sul sistema alimentare e i negoziati sul clima dell’UNFCCC, in modo che il biologico sia ora riconosciuto come una delle soluzioni per le nostre numerose sfide globali come la perdita di biodiversità, la sicurezza alimentare resiliente e sostenibile e l’emergenza climatica”.

– Quali sono le principali sfide che il movimento sta affrontando in questo momento?
“Il mondo sta cambiando così rapidamente e dobbiamo essere in grado di rispondere, non solo per rimanere rilevanti, ma perché abbiamo così tanto da offrire alle sfide che dobbiamo affrontare come comunità globale. Dobbiamo estendere il biologico per trasformare davvero il nostro sistema alimentare per rispondere all’emergenza climatica ed al collasso della biodiversità e assicurarci di poter nutrire noi stessi nel futuro rimanendo entro i confini planetari! Questo non è un compito da poco, e la sua importanza è stata evidenziata ancora una volta con le attuali pressioni sulla produzione alimentare innescate dall’invasione russa dell’Ucraina che ha evidenziato la dipendenza del nostro attuale sistema alimentare dai combustibili fossili. Per fare questo dobbiamo investire nella ricerca, rafforzare la fiducia dei consumatori nelle filiere biologiche in modo che ci sia più mercato per i nostri agricoltori e respingere con forza la narrativa della paura della grande epidemia secondo cui se coltiviamo cibo in modo sostenibile non saremo in grado di nutrire la popolazione in crescita e che abbiamo bisogno di prodotti agrochimici, OGM, ecc. Abbiamo le prove che ciò non è vero e dobbiamo difendere a voce alta questa questione. Internamente per il movimento biologico una delle nostre sfide è capire come lavoriamo con i nuovi movimenti di agricoltura sostenibile come quelli rigenerativi che recentemente stanno avendo uno slancio significativo. Il movimento biologico ha lavorato per decenni per promuovere pratiche biologiche rigenerative, ma dobbiamo distinguere tra attori rigenerativi seri, come alleati degli agricoltori che lavorano per pratiche e politiche simili a quelle per cui lavoriamo in IFOAM e quelli che, come alcune multinazionali della chimica, si manifestano come leader rigenerativi pur continuando con i pesticidi come core business”.

– Ritiene che lo standard IFOAM per la produzione e la trasformazione biologica sia ancora rilevante in un mondo dominato dalle normative pubbliche sul biologico?
“Il predominio della normativa pubblica sul biologico ha decisamente cambiato il campo di gioco, ma lo standard IFOAM può ancora avere rilevanza e importanza. Qualcuno deve alzare il livello, per continuare a richiamare tutti a ciò che SIGNIFICA davvero biologico, e questo è IFOAM. Mentre gli standard normativi governano il mercato, il nostro standard è il luogo in cui offriamo una piattaforma per le organizzazioni che definiscono gli standard per i prodotti biologici, per discutere e creare sinergie per lo sviluppo e l’armonizzazione degli standard a livello globale. Credo anche che a un certo punto i consumatori inizieranno a chiedere il vero biologico – basato sui principi, fedele alla definizione – e vedremo trasformatori e rivenditori alla ricerca di qualcosa al di là delle normative pubbliche per garantire che le aspettative dei consumatori siano soddisfatte. Potrebbe non essere lo standard IFOAM, ma abbiamo l’opportunità di posizionare il nostro standard come punto di riferimento a cui mirare, migliorando il biologico a tutto tondo”.

– Cosa si prevede come sviluppo per lo standard IFOAM (e il programma di integrità biologica) nel prossimo futuro?
“Vedo un futuro che porta e necessita di innovazione e creatività. Non c’è dubbio che il nostro standard IFOAM abbia attualmente bisogno di amore e attenzione! Dobbiamo dimostrare leadership, cercare di sviluppare il nostro standard verso le migliori pratiche, aprire nuove aree in cui gli standard non sono fissati o si stanno evolvendo, rimanendo all’avanguardia. Abbiamo anche bisogno di creatività nei sistemi di garanzia – PGS [Participatory Guarantee Systems] in evoluzione e nuove forme di verifica o garanzia che non sono state ancora sviluppate o riconosciute, ad esempio metodologie indigene. O sistemi che vanno oltre gli standard biologici che possono includere criteri come il miglioramento della biodiversità o la giustizia sociale. In un certo senso il dominio delle normative ha creato uno spazio in cui possiamo davvero innovare e trovare modi per dare piena espressione ai modi di garantire o identificare ciò che è biologico”.

– Come vede lo sviluppo in Italia portato avanti da CSQA nell’implementazione dello standard?
“L’importante lavoro sviluppato da CSQA, ente di certificazione italiano accreditato IFOAM, sono davvero entusiasmanti, danno voce alle mie speranze di arricchire il nostro programma di integrità del biologico e dimostrare la piena espressione di ciò che significa agricoltura biologica attraverso un sistema di garanzia. Penso che dare potere agli agricoltori e ai consumatori rafforzi la mia fiducia nel fatto che il movimento biologico può evolversi per rimanere rilevante, incisivo e mantenere la posizione di leadership nell’agricoltura sostenibile in tutto il mondo”.

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ