Il 17 e 18 ottobre a Torino ‘Fa’ la cosa giusta!’

fa%20la%20cosa%20giusta%20torino%20grande.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

La più grande fiera italiana della sostenibilità sbarca al Lingotto Fiere di Torino dal 17 al 18 ottobre, con un’edizione speciale in occasione del 3° Forum dello sviluppo economico locale, organizzato da UNDP, il programma delle Nazioni Unite dedicato allo Sviluppo.

Fa’ la cosa giusta! Torino è organizzata da Terre di mezzo Eventi, che da 13 anni cura l’edizione nazionale, che si tiene ogni marzo a Milano. Per l’occasione il Lingotto ospiterà aziende, cooperative ed associazioni piemontesi che proporranno i propri prodotti e le proprie iniziative. Ma anche incontri, workshop e attività pratiche… tutto all’insegna del consumo etico e sostenibile.

 

Gli espositori e gli appuntamenti ospitati in fiera spazieranno tra molti temi: cibo e alimentazione, commercio equo e solidale, cosmesi naturale, moda critica, economia carceraria, editoria, mobilità sostenibile, infanzia, servizi per la sostenibilità, turismo consapevole, vegan, associazioni e partecipazione sociale.

Fa’ la cosa giusta! Torino sarà focalizzato sulle realtà del territorio piemontese, ma verrà riservato ampio spazio anche a tutti i soggetti provenienti dalle altre regioni italiane e dall’estero, che si contraddistinguono per il forte legame e impatto sul territorio di appartenenza.

Come nell’edizione nazionale, anche in quella torinese non mancherà una varietà di laboratori creativi per realizzare abbigliamento e accessori, organizzati da Antica Sartoria Errante.

‘Fashion Reverse’, un workshop di ‘lettura’ delle etichette dei vestiti, insegnerà tutti i segreti per decifrarle, identificando la qualità del tessuto e (percentuale di filati naturali, artificiali, e loro tipologia), l’eticità della filiera produttiva (luogo di manifattura, condizioni e retribuzione della manodopera), i margini degli intermediari e le modalità con cui i marchi stabiliscono il prezzo di vendita al pubblico.

‘Reinventa gli abiti’, un workshop per imparare a rinnovare il proprio armadio senza buttare né acquistare nulla. I visitatori potranno portare i propri abiti e imparare a trasformarli. Infine, visto che un outfit non può mai dirsi completo senza una borsa, in fiera si potrà imparare a trasformare un vecchio maglione in una borsa double face (costo di partecipazione, comprensivo dei materiali: 25 euro).

Il workshop ‘UpCycle’, ovvero il riuso creativo di una camera d’aria insegnerà mille modi per trasformare la gomma in gioielli e accessori di design. Partendo da camere d’aria di recupero si realizzeranno braccialetti, portamonete, collane e orecchini. Durante il laboratorio verranno fornite le attrezzature professionali necessarie, l’assistenza in tutte le fasi della lavorazione e non mancheranno consigli, suggerimenti e piccoli trucchi per ottenere il miglior risultato (aabato alle 15, spazio laboratori, costo di partecipazione 10 euro, a cura di Jenia Design, brand torinese di origine moscovita).

Il portale ‘Contiamoci’ insegnerà a produrre un deodorante a partire dai tappi di sughero, realizzando assieme profumatissimi sacchetti per armadio, per cassetti o per auto, completamente naturali e con oggetti di recupero. Si potrà così evitare l’acquisto di prodotti di sintesi chimica e contenitori che finiscono in pattumiera e dovranno essere poi smaltiti (domenica 18 ore 11, spazio laboratori, partecipazione gratuita).

I visitatori di Fa’ la cosa giusta! potranno imparare anche a trasformare i capi tingendoli con colori ricavati dalle piante e dagli ingredienti presenti comunemente nelle nostre case, grazie al workshop che prende spunto dal libro ‘Tinture naturali’, di Terre di mezzo Editore.

Con un po’ di fantasia, e qualche consiglio, sarà possibile imparare a trasformare una tovaglia macchiata o un lenzuolo ormai liso in un pratico porta-torte. Laboratorio a cura di: Eta Beta, cooperativa sociale di inserimento lavorativo, che coniuga attività imprenditoriale e centralità della persona (sabato alle 14, spazio creatività, partecipazione gratuita).

Molte le creazioni proposte dagli stilisti etici presenti a Fa’ la cosa giusta!. Dall’accostamento di materiali non preziosi, solitamente destinati all’arredamento di interni, nascono i gioielli di Cornja. A Fa’ la cosa giusta! saranno presentate le collezioni Tegumenti, create con metallo e seta grezza, e Lineo, realizzate in ottone e cubi di legno di faggio, comunemente utilizzati dagli architetti per la realizzazione dei plastici.

Quagga è il primo marchio di abbigliamento invernale contemporaneo che utilizza solo fibre di poliestere 100% riciclate. La filiera di lavorazione è completamente made in Italy e la selezione delle materie prime esclude l’utilizzo di pelli, pellicce e piume (certificazione Fur Free VVV+ assegnato dalla LAV).

Lanivendole propone matasse in lana di tutti i colori e filati dedicati a tutti coloro che cercano qualità e cura nei materiali, il tutto rigorosamente naturale e realizzato a mano: dalla cardatura alla filatura alla tintura.

‘Cartaecuci’ propone invece maglioni in lana confezionati da piccoli artigiani con materiale recuperato e salvato dal macero.

L’Associazione Città Incantate condurrà uno spazio di letture continue con i bambini e laboratori creativi in cui imparare a realizzare collane e piccoli oggetti di arredamento con legno riciclato o a costruire le proprie bambole. I piccoli potranno anche imparare ad andare in bici e a rispettare le regole della viabilità, sulla ciclopista ‘Bici e dintorni’ organizzata da FIAB Torino.

 

Seguici sui social







Notizie da GreenPlanet

news correlate

Al via la seconda edizione Bio in Sicily

Dal 1 al 3 ottobre 2021 Bagheria ospiterà nella prestigiosa Villa Palagonia, la seconda edizione Bio in Sicily, una tre giorni dedicata all’agricoltura, alla pesca mediterranea

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ