PAC, il disappunto di IFOAM per le opportunità perse

Plagge_Jan_bioland_2011

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

“Piccoli passi per rendere più verde la PAC non sono sufficienti. I prossimi dieci anni dovrebbero essere di azione e trasformazione per vincere la corsa contro la catastrofe climatica e la disfatta della biodiversità. Ora, la Commissione ha l’enorme responsabilità di garantire che il denaro dell’UE venga utilizzato al meglio dagli Stati membri e che i piani strategici nazionali della PAC siano all’altezza delle sfide della biodiversità e delle crisi climatiche”. Sono queste le parole amareggiate di Jan Plagge, presidente di IFOAM Organics Europe a seguito della votazione di martedì scorso (vedi news ).

La riunione del Consiglio è stata considerata la “più importante in un decennio” dal ministro dell’Agricoltura tedesco Julia Klöckner, che presiede le questioni agricole durante la presidenza tedesca dell’UE. Per convincere i ministri ad adottare il pacchetto di compromesso finale, i tedeschi hanno dovuto superare l’ultima resistenza sugli eco-schemi, un sistema ideato e concepito per realizzare gli obiettivi ambientali nella PAC, una sorta di soluzione ponte con una fase di apprendimento di “due anni” in cui gli Stati membri cercheranno di esaurire tutti i fondi disponibili. Per superare la resistenza dell’Italia, i ministri hanno anche concordato una maggiore flessibilità tra i due pilastri della PAC (pagamenti diretti e sviluppo rurale). In particolare, la spesa ambientale nel programma di sviluppo rurale può essere conteggiata nel primo pilastro.

Tra le misure approvate, ha retto l’accordo tra i tre maggiori partiti al Parlamento europeo (Ppe, S&D e Renew Europe), raggiunto per garantire l’approvazione di una serie di emendamenti di compromesso (vedi news) . Il principale è che gli Stati membri saranno obbligati a destinare il 60% dei fondi per il supporto al reddito degli agricoltori, finanziamenti che finiscono prevalentemente alle grandi aziende che promuovono monocolture e agricoltura intensiva, senza prevedere alcuna misura correttiva. Tra gli altri emendamenti approvati, i legislatori europei hanno convenuto di fornire un’area di almeno il 10% di elementi paesaggistici e benefici per la biodiversità, nonché di destinare il 35% del bilancio per lo sviluppo rurale a misure ambientali e climatiche e almeno il 30% del bilancio dei pagamenti diretti per gli eco-regimi.

Nonostante tutto Plagge ha dichiarato che “Il movimento biologico continuerà a sostenere tutte le iniziative per allineare la PAC con il Green Deal dell’UE, le strategie Farm to Fork e Biodiversità nei prossimi negoziati”.

Il presidente di IFOAM ha poi ribadito: “Poiché gli impatti del cambiamento climatico sono già su di noi, una produzione alimentare resiliente ha bisogno di ecosistemi ben funzionanti, suoli sani, acqua pulita e maggiore biodiversità a tutti i livelli. La stragrande maggioranza degli agricoltori vuole fare di più per l’ambiente, ma devono essere adeguatamente incentivati ​​e sostenuti dalla PAC per cambiare i loro sistemi e pratiche agricole. Il Green Deal dell’UE è ciò che i cittadini europei si aspettano dall’Europa, ma è anche un’opportunità per gli agricoltori e le zone rurali”.

Kurt Sannen, presidente del gruppo di interesse europeo degli agricoltori biologici dell’IFOAM Organics, ha aggiunto che “la stragrande maggioranza dei deputati (589 favorevoli contro 94 contrari) ha votato a favore dell’emendamento 811, che richiede agli Stati membri di includere un’analisi del settore biologico come parte il loro piano strategico e fissare obiettivi per aumentare la quota di terra gestita in modo organico. Questo è un passo positivo in linea con le strategie Farm to Fork e Biodiversità, ma per trasformare i nostri sistemi alimentari abbiamo bisogno di una PAC che incentivi meglio e aiuti tutti gli agricoltori ad adottare pratiche più sostenibili”.

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

Romain Zaleski mette le mani su NaturaSì

La Carlo Tassara International di Romain Zaleski torna a investire in Italia. Secondo il bilancio 2020, analizzato dall’agenzia Radiocor, la holding del finanziere franco-polacco, ma

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ