IFOAM Organics Europe, rebranding e rielezione del Consiglio. Plagge presidente

IFOAM Organics Europe

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Nel corso della decima Assemblea Generale, i membri di IFOAM Organics Europe hanno eletto il  nuovo Consiglio con mandato triennale: al vertice viene confermato il presidente di Bioland Jan Plagge, con molti anni di esperienza nello sviluppo del settore e un background da agricoltore e consulente di agricoltura biologica.

A seguito della sua rielezione, il presidente dell’IFOAM Organics Europe ha dichiarato: “Sono onorato di essere rieletto presidente del movimento biologico europeo in un momento in cui l’Unione Europea si è prefissata l’obiettivo del 25% di terra biologica entro il 2030 attraverso un ambizioso Strategia Farm to Fork, mettendo il biologico al centro di una transizione verso sistemi alimentari sostenibili ed equi. Questo è un chiaro riconoscimento dei benefici del cibo biologico e del sistema agricolo per la società e il nostro pianeta. Ma resta ancora molto da fare e non abbiamo tempo da perdere per rendere il sistema alimentare europeo e l’agricoltura più resistenti”.

Il presidente rieletto ha aggiunto: “Sono anche orgoglioso di svelare il rebranding dell’UE di IFOAM. D’ora in poi saremo IFOAM Organics Europe. Il miglior posizionamento, l’aggiornamento del logo e il nuovo sito web credo ci rappresentino ancora meglio agli occhi delle Istituzioni europee”.

Alla vice presidenza rieletta Marian Blom, leader del progetto di conoscenza e innovazione di Bionext: “Le azioni di tutti gli attori della catena di approvvigionamento sono fondamentali per costruire un sistema alimentare equo e sostenibile. Lavoreremo con agricoltori biologici, trasformatori, rivenditori, certificatori, ricercatori e consumatori per aumentare ulteriormente il contributo degli alimenti biologici e dell’agricoltura a un’Europa sostenibile. Sono orgogliosa che IFOAM Organics Europe li rappresenti tutti, assicurando che il movimento del bio parli con una sola voce a Bruxelles. Il nostro nuovo marchio è più chiaro e mostra meglio come siamo collegati a IFOAM Organics International, l’organizzazione globale ombrello per alimenti biologici e agricoltura”.

Dora Drexler, neoeletta vicepresidente e direttrice di ÖMKI, l’istituto ungherese di ricerca per l’agricoltura biologica, ha dichiarato: “Un compito importante per raggiungere gli obiettivi delle strategie Farm to Fork e Biodiversità è rafforzare gli sforzi di ricerca dell’UE dedicati ad approcci agroecologici, per aumentare lo scambio di conoscenze e garantire agli agricoltori un accesso agile alla consulenza tecnica su come migliorare le loro pratiche”.

Seguici sui social







Notizie da GreenPlanet

news correlate

Francia, tonfo nelle vendite di uova bio

Crolla Oltralpe la domanda di uova biologiche.  Una situazione grave, che sta mettendo in difficoltà l’intera filiera, con produttori che minacciano di declassare la propria

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ