ICEA organismo di controllo anche fuori dall’UE

icea%201.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Importante successo per ICEA sul fronte estero: l’Istituto Certificazione Etica e Ambientale è stato infatti riconosciuto come Organismo di Controllo (CB) in equivalenza alle norme UE per tutti i Paesi extraeuropei nei quali attualmente opera attivamente.

ICEA era già incluso – cronologicamente tra i primi organismi di certificazione europei – nella prima lista pubblicata a fine 2011; a gennaio 2012 l’Istituto ha poi fatto richiesta di integrare la lista dei Paesi in cui lavora. Dunque, dal primo luglio 2012, per esportare verso l’UE, le aziende certificate Icea nei Paesi elencati nel nuovo regolamento non avranno più bisogno di autorizzazione ministeriale (comportante spese e tempi più lunghi).

I Paesi attualmente elencati per Icea sono: Albania, Ecuador, Giappone, Libano, Madagascar, Malesia, Messico, Moldova, Russia, San Marino, Senegal, Sri Lanka, Siria, Thailandia, Turchia, Ucraina, Emirati Arabi, Uruguay e Vietnam. Il nuovo regolamento appena pubblicato (con l’elenco dei Paesi collegati a Icea a pag. 36-37) è scaricabile dal sito www.icea.info.

 

Seguici sui social

 






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ