Federbio ‘sbarca’ a Foodex Japan

Schermata%2003-2456357%20alle%2009.16.07_0.png

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Vino, pasta e legumi, olio di oliva extra vergine, marmellate, confetture, succhi di frutta e conserve, prodotti da forno, snacks e merendine bio e italiane: fino all’8 marzo cinque aziende bio italiane partecipano a Foodex Japan – la più importante manifestazione fieristica del Giappone per il settore agroalimentare – presso lo stand OFOM (Organic Food Organic Mood). E’ previsto un evento informativo OFOM che mette in luce le caratteristiche qualitative dei prodotti biologici.

L’incontro è aperto agli operatori del settore e in particolare ai buyer giapponesi. Al termine dell’evento, una degustazione guidata dei prodotti bio made in Italy fa comprendere come essi siano sinonimo di qualità, garanzia e gusto. FederBio, nell’ambito del progetto Organic Food Organic Mood, contribuisce alla promozione e al fare informazione sui prodotti biologici certificati ai sensi del regolamento CE n. 834/2007, nei Paesi extra europei.

L’obiettivo dell’iniziativa in Giappone è quello di favorire la conoscenza dei requisiti qualitativi, salutistici e nutrizionali dei prodotti da agricoltura biologica e del sistema di certificazione comunitaria, consolidando e ampliando i consumi del bio anche nel mercato giapponese.

Le prossime tappe del progetto OFOM si svolgeranno nuovamente in Giappone nel mese di giugno.

Sono previsti due eventi: il Laboratorio del Gusto e un workshop per la GDO.

Il successivo appuntamento sarà a novembre con la partecipazione al Biofach Japan.

OFOM è ‘sicurezza e buon gusto per i consumatori’. E’ un programma triennale (2012/2015) finanziato dall’Unione Europea e dallo Stato Italiano e realizzato dall’ATI FederBio – Bioagricoop – CiBi.

Il progetto si rivolge in particolare a USA, Cina e Giappone. Il paniere di prodotti da agricoltura biologica sui quali è prevalentemente indirizzata la campagna comprende ortofrutta e prodotti trasformati (succhi e conserve), vino, cereali e prodotti derivati e trasformati, olio extra vergine di oliva, latte e derivati, miele e similari.

Il programma si sviluppa negli Usa nelle città di Washington, Baltimora, New York, Anaheim e Chicago; in Cina a Shanghai e Hong Kong; infine in Giappone, a Tokyo e Osaka.

 

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ