Distrutto in Ungheria mais OGM

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

 In Ungheria sono stati distrutti circa 400 ettari di mais di origine OGM nelle regioni di Szigetvar, Letavertes, Szolnok e Fejér nella parte centrale e sud occidentale del Paese. Numerosi controlli sono stati effettuati dalle autorità dall’inizio dell’anno in seguito all’approvazione di una normativa stringente che impone alle aziende esportatrici di certificare i propri prodotti come OGM-free.

I semi di mais sarebbero stati commercializzati da Monsanto e Pioneer, aziende multinazionali leader nel settore, in molte aree del Paese. Il mais OGM MON810 della Monsanto è stato vietato in Ungheria fin dal 2006 sia per la coltivazione che per l’importazione e dal 2010 è stata vietata anche la coltivazione della patata Amflora. Gli agricoltori ungheresi che hanno coltivato mais OGM senza conoscere l’orientamento politico e legoslativo del loro Paese ora si trovano in pesanti difficoltà economiche e non sanno come venirne fuori. Pare che le autorità non siano in grado di garantire degli indennizzi.

Seguici sui social

 






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ