Danimarca, si investe su un’unica e riconoscibile etichetta ambientale del cibo

etichetta ambientale

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Lo scorso 16 aprile Rasmus Prehn, ministro per il Cibo, l’agricoltura e la pesca della Danimarca ha annunciato lo stanziamento di 1,2 milioni di euro per finanziare lo studio di un’etichetta ambientale degli alimenti, nell’ambito di un progetto che durerà fino alla fine del 2022.

Di questo genere di etichette che indicano l’impatto ambientale si parla da tempo, e al momento sono in corso diverse sperimentazioni, ma nessun Paese, finora, aveva mai tradotto le intenzioni in gesti concreti, sponsorizzati dai governi.

Lo fa ora la Danimarca, per venire incontro al desiderio dei cittadini di fare scelte più green che è stato espresso da sei danesi su dieci in un recente sondaggio pubblico.

I risultati dei lavori dovrebbero essere resi noti prima della fine dell’anno, in linea con gli obiettivi europei per le emissioni zero entro il 2050. Ma c’è anche un’altra motivazione che ha spinto il governo ad agire: la volontà di evitare che compaiano sul mercato etichette ambientali differenti, che confonderebbero i consumatori e, in definitiva, sarebbero controproducenti. Ne sono state infatti già proposte di vario tipo.

C’è l’Eco-Score, che utilizza una scala a cinque lettere, dalla A alla E, e cinque colori, dal rosso al verde, focalizzato sul consumo di risorse necessarie a produrre un certo alimento. C’è anche il Planet-Score, anch’esso con una scala di cinque lettere e cinque colori, incentrato sui pesticidi, sulla biodiversità, sul clima e sul benessere animale. Entrambe le etichette sono state messe a punto in Francia. Oltre a queste ce n’è anche una proposta da Foundation Earth, con il contributo di multinazionali come Nestlé e Tyson Food, ed è probabile che nei prossimi mesi ne siano suggerite di analoghe in altri Paesi.

Esistono diversi tipi di impatto ambientale, e molteplici modi per quantificarli: la questione è dunque assai complessa, e si presta a interpretazioni differenti. Per questo, l’unico modo per evitare la proliferazione delle etichette ambientali sarebbe adottare un modello unico a livello comunitario. Per ora però la Commissione europea non sembra intenzionata a muoversi in questa direzione, né a rendere obbligatoria l’etichetta ambientale. Anche in Danimarca sarà comunque su base volontaria, e i rivenditori si sono detti generalmente d’accordo, a patto che il sistema sia credibile e chiaro. Secondo le previsioni, grazie ai due provvedimenti – linee guida ed etichette – l’impronta dei danesi diminuirà del 70% entro il 2030, per quanto riguarda il cibo.

Fonte: Il Fatto Alimentare

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ