Cina, vendite di bio trainate dai mercati cittadini

ORGANIC MARKET CHINA

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Situato in un centro commerciale a Hefei, capoluogo della provincia dello Anhui, in Cina orientale, il mercato ortofrutticolo cittadino accoglie decine di commercianti che, una volta al mese, propongono verdure e frutta biologici e specialità locali.

“Le verdure sono prive di pesticidi ed erbicidi. Si possono persino vedere i fori dei vermi sul peperoncino”, afferma Sun Fenglan, 50 anni, proveniente dal villaggio di Cuigang a circa 20 chilometri dal capoluogo della provincia.

Il mercato degli agricoltori è stato istituito nel 2015 da un gruppo di persone appassionate di eco-agricoltura. Finora il mercato ha riunito circa 60 aziende agricole ecologiche da tutta la provincia, attirando decine di migliaia di consumatori.

Il miglioramento del tenore di vita della popolazione ha fatto registrare un corrispondente aumento della domanda di prodotti agricoli verdi e biologici, con la nascita di aziende che mettono in contatto i venditori di alimenti biologici e i potenziali clienti.

Zhou Bo, uno dei fondatori del mercato di Hefei, sostiene che le aziende agricole devono seguire rigorose linee guida e superare ispezioni sul campo prima che i loro prodotti possano entrare nel mercato e i consumatori possono anche presentare reclami per contribuire alla supervisione. “In questo modo, possiamo assicurare ai consumatori che tutti i prodotti venduti sono verdi e sicuri”, dice Zhou.

Secondo Zhou, mercati simili con prodotti ecologici possono essere visti anche in città come Pechino, Shanghai, Fuzhou, Xi’an e Wuhan, aggiungendo che sono in frequente contatto con i manager che li gestiscono.

Le statistiche dell’Amministrazione Statale per la Regolamentazione di Mercato mostrano che nel 2019 in Cina sono state vendute circa 809.800 tonnellate di prodotti etichettati come biologici, mentre gli scambi totali sono arrivati a 67,82 miliardi di yuan (circa 10,32 miliardi di dollari), un aumento di 4,67 miliardi di yuan rispetto all’anno precedente.

Wei Bo, commerciante di ortofrutta bio, ha detto che il mercato cittadino ha avuto un ruolo fondamentale nell’abbattere le barriere tra la campagna e le città: “In passato, le nostre vendite erano limitate perché non riuscivamo a trovare abbastanza visibilità; grazie a questa piattaforma possiamo parlare con i consumatori faccia a faccia e aiutare più persone a conoscere l’eco-agricoltura”, sostiene Wei, 33 anni, affermando che quasi il 60% dei suoi ricavi provengono da clienti abituali.

Per soddisfare la crescente domanda dei consumatori, Wei ha collaborato con circa 50 agricoltori delle zone montane, aiutandoli a vendere specialità locali.

“Anche se i prezzi sono più alti di quelli delle verdure normali, penso che ne valga la pena perché i prodotti sono verdi e sani”, afferma Xu Jiayue, cliente abituale del mercato, aggiungendo che molte specialità si trovano raramente nei negozi normali.

Oltre al mercato, Zhou Bo è impegnato a realizzare una piattaforma online per aiutare gli agricoltori a vendere prodotti biologici in tutto il Paese: “Finora, il fatturato totale che abbiamo realizzato quest’anno è  circa 10 milioni di yuan. In futuro speriamo di incrementare esponenzialmente più persone vendendo online”, ha concluso Zhou.

Seguici sui social

 






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ