Bastoni: dietro al successo di Almaverde Bio la forza dei produttori. Volano le vendite online

ilenio-bastoni-apofruit-e1531858637370

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il presidente di Almaverde Bio, Ilenio Bastoni, traccia un quadro completo dell’andamento del marchio leder del biologico italiano partendo da un’analisi pre-coronavirus e affrontando poi gli andamenti nel periodo corrente.

“Esiste un pre-coronavirus – dichiara il presidente Ilenio Bastoni – nel quale possiamo evidenziare una sostanziale stabilità del fatturato della società consortile Almaverde Bio rispetto all’andamento 2018, con un andamento deflattivo nel primo semestre e un sostanziale recupero nel secondo semestre. In termini di valore si registra una conferma dei fatturati mentre i volumi sono sostanzialmente aumentati. Abbiamo visto  consolidata la forza del marchio Almaverde Bio, leader del biologico italiano con un importante  sviluppo soprattutto per alcuni segmenti come il canale horeca, la linea bar monomarca, le Isole  a vendita assistita”.

“Nel 2019 – sottolinea Bastoni –  il marchio ha iniziato a rafforzare  il posizionamento anche su alcuni mercati esteri, soprattutto nordeuropei. Il biologico di marca registra un costante aumento delle vendite e dell’apprezzamento dei consumatori. La marca vive e si alimenta di innovazione  e si posiziona meglio rispetto ai prodotti unbranded. Lo abbiamo ben chiaro guardando le performance dei prodotti Almaverde Bio commercializzati con packaging innovativi come quello compostabile, utilizzato per i surgelati a marchio o per l’ortofrutta”.

L’obiettivo di Almaverde Bio è quello di avere entro il 2020 tutti gli imballaggi compostabili o monomateriale riciclabile: “Stiamo facendo un grande sforzo in questa direzione – precisa infatti Bastoni – analizzando approfonditamente e con attenzione il ciclo industriale dei prodotti e degli imballaggi per offrire soluzioni che abbiano il minor consumo di risorse possibili, sia in termini di acqua che di energia”.
“Nel 2019 – afferma – abbiamo lanciato tante nuove linee di prodotto, per assecondare i trend di consumo del biologico, nuove varietà, nuove tipologie di prodotto nel settore uva da tavola, mele, pesche e nettarine, fragole, ma anche lanciando il biodinamico, come specifica nicchia di mercato. Siamo andati  a identificare per il marchio Almaverde Bio novità  varietali sezionate per la resistenza alle malattie  e quindi meno esigenti sul piano produttivo ma anche buone e apprezzate dai consumatori”.

E veniamo all’oggi. “In éra Coronavirus – spiega il presidente – dobbiamo dire prima di tutto che il biologico rassicura il consumatore e questo è un elemento che vale sempre ma, a maggior ragione, vale in questo particolare momento storico, dove stiamo vivendo tutti, a livello mondiale le incertezze e le paure della pandemia. Il biologico, del resto, è un prodotto principalmente confezionato, garantito da certificazioni nazionali e internazionali, percepito come sicuro, dalla maggioranza dei consumatori”.

“In questo ultimo mese – aggiunge Ilenio Bastoni –  abbiamo visto il crollo dell’horeca e delle vendite nel settore della ristorazione collettiva, come è ovvio aspettarsi, data la chiusura forzata. Abbiamo registrato però un forte aumento delle vendite in GDO. Volano poi le vendite delle nostre piattaforme on line; sia lo shop on line (www. shopalmaverdebio.it) dedicato ai prodotti ambient, sia Frutta Web per il fresco biologico. Lo shop on line dei prodotti ambient ha realizzato, in un mese, il fatturato di tutto il 2019 e il portale Frutta Web  ha un trend  di vendita costante di oltre  180 ordini al giorno. E’ una trasformazione importante, sicuramente legata al momento contingente, ma sono certo che non si tornerà indietro e penso che con il tempo riusciremo a concentrare in un’unica piattaforma i due portali attualmente attivi. Abbiamo puntato sul digital e sul web anche negli investimenti in comunicazione dando valore allo storytelling sui prodotti e sulle nostre proposte innovative, in un contesto di notorietà di marca già consolidato”.

Bastoni illustra il punto di forza del Gruppo. Eccolo: “Da sempre siamo produttori, specialisti delle diverse categorie merceologiche che compongono il ventaglio dell’offerta Almaverde Bio. Produttori con esperienze, capacità e conoscenze tali da posizionarci  sul mercato con una marcia in più rispetto a chi semplicemente commercializza quanto viene prodotto da altri. E’ una differenza importante che ci tengo a rimarcare e che è quanto mai evidente e importante, in questo momento per l’ortofrutta. Il nostro biologico è fatto da piccoli produttori, aziende famigliari che trovano nel bio una sostenibilità, intesa in senso ampio, sia sul versante economico che ambientale che riserva loro quelle soddisfazioni e che li portano al massimo impegno per ottenere risultati ottimali”.

Sul problema, attualmente molto avvertito, del reperimento di manodopera, Ilenio Bastoni ritiene che “si debba evitare che le persone preferiscano i sussidi piuttosto che il lavoro in agricoltura”. E aggiunge: “Sarebbe paradossale non trovare manodopera e avere tanti  cassaintegrati o con reddito di cittadinanza.
Si deve evitare tutto questo incentivando il lavoro agricolo. L’agricoltura anche in momenti così difficili, resiste e garantisce   continuità e sicurezza. Penso che in questo momento  sia  una gran cosa che, una volta tanto, va rimarcata”.

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

Rigoni di Asiago lancia Crunchy

Rigoni di Asiago lancia Crunchy, la nuova varietà di Nocciolata: una crema spalmabile bio con croccante granella di nocciole tostate. Nocciolata Crunchy è un’unione di

Tomarchio Bibite lancia i té bio

Un ponte tra la Sicilia e l’Oriente, per un viaggio all’insegna della tradizione e del gusto. Tomarchio Bibite amplia il suo portafoglio di prodotti con l’obiettivo di

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ