Alla mafia piace l’agricoltura toscana

candy%20mafia.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Le mani della criminalità organizzata sulla campagna toscana. Il Made in Tuscany fa gola anche a mafia, camorra, ndrangheta e altre associazioni a delinquere sempre più ‘ nteressate’ ad investire in quei settori dell’economia strategici ed emergenti che garantiscono insieme a profitti diretti (e certi) la copertura per riciclare denaro sporco derivante da attività illecite.

L’agricoltura è a tutti gli effetti uno di questi settori che ha dalla sua la forza di un’immagine pulita, genuina e vincente. Il 19% dei beni sequestrati in Toscana ha interessato terreni e fabbricati rurali strappati dalla mani della criminalità organizzata dallo sforzo congiunto ed efficace delle forze dell’ordine.

A dirlo è Coldiretti Toscana (info su www.toscana.coldiretti.it) in base all’analisi dei dati dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e la destinazione dei Beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata in occasione della presentazione della nascita dell’’Osservatorio sulla criminalità nell’agricoltura e sul sistema agroalimentare’, la nuova Fondazione voluta e costituita da Coldiretti per diffondere la conoscenza e la consapevolezza del patrimonio agroalimentare italiano, con l’obiettivo di creare un sistema coordinato e capillare di controlli idonei a smascherare i comportamenti che si pongono in contrasto con la legalità.

Il Comitato Scientifico è guidato dall’ex procuratore anti-mafia Giancarlo Caselli.

Su un totale di 69 sequestri tra immobili, terreni, box, garage (57 immobili e 12 aziende), ben 13 hanno riguardato proprietà o attività agricole presenti in 6 comuni toscani. Nove sono stati i sequestri a Pistoia, di cui 8 a Larciano ed 1 a Massa e Cozzile; 2 a Lucca di cui 1 a Forte dei Marmi e Altopascio, 1 a Licciana Nardi in Lunigiana e 1 aChianciano Terme.

Tra le confische più celebri e clamorose della storia nella regione la Tenuta di Suvignano, nel Senese, confiscata nel lontano 1994, la più grande mai confiscata alla mafia con un’estensione di 700 ettari ed una valutazione intorno ai 22 milioni di euro e l’azienda agricola ‘Tresanti’ di Montespertoli appartenuta ai Madonia. Il 69% dei sequestri nelle campagne è localizzato nella Provincia di Pistoia che insieme a Firenze e Massa Carrara collezionano il 60% totale delle confische totali tra fabbricati, terreni, immobili, garage, box ed altre tipologie.

Una malattia da debellare, quello delle ‘infiltrazioni criminali’ nel tessuto economico della Toscana che ha proporzioni ben diverse, per numero e frequenza, da quello vissuto in regioni come Sicilia, Campania, Calabria e Puglia dove sono concentrati l’80% dei beni confiscati definitivamente che ‘non ci devono far abbassare assolutamente la guardia – spiega Tulio Marcelli, presidente Coldiretti Toscana – su un fenomeno che la crisi economica, la disoccupazione e la disperazione delle persone rende più forte ed accentua. L’agricoltura e l’agroalimentare rappresentano uno dei settori che assicura maggiori utili diretti ed indiretti permettendo al contempo di affermarsi sul territorio e poi di controllarlo’.

A fianco di un Made in Italy imitato, copiato e spacciato per toscano per mezzo di etichette e messaggi ingannevoli, c’è un Made in Italy agroalimentare, altrettanto odioso, nocivo per l’immagine e le imprese, venduto in Italia e nel mondo che richiamano nomi, episodi, personaggi e forme di criminalità organizzate.

Dal caffè ‘ afiozzo’ stile italiano ai sigari ‘Al Capone’, dalla pasta ‘ afia’ agli snack ‘Chilli Mafia’, dall’amaro ‘Il Padrino’ al limoncello ‘Don Corleone’, dal sugo piccante rosso sangue ‘Wicked Cosa Nostra’ alle spezie ‘Palermo Mafia shooting’, ma a Bruxelles, capitale d’Europa, si intingono addirittura le patatine nella ‘ auceMaffi’ e si condisce la pasta con la ‘ auceMaffioso’ mentre in tutto il mondo spopolano i ristoranti e le pizzerie ‘Cosa Nostra’ e ‘Mafia’ e su internet è possibile acquistare il libro di ricette ‘The mafia cookbook’, comprare caramelle sul portale www.candymafia.com o ricevere i consigli di mamamafiosa (www.mamamafiosa.com) con sottofondo musicale a tema.

Uno schiaffo all’immagine nazionale.

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ