Alce Nero: la qualità del riso italiano biologico

Alce Nero

Condividi su:

Facebook
Twitter
LinkedIn

Alce Nero, il marchio di agricoltori e trasformatori biologici dal 1978, propone la sua gamma di riso, coltivato  in Italia secondo i rigorosi criteri del disciplinare biologico. Dalle risaie del Piemonte e della Lombardia nascono  chicchi pregiati e dall’altissima qualità, perfetti per portare in tavola bontà e tradizione. In particolare, nella  linea sono compresi:

  • Il riso Carnaroli: ha chicchi lunghi e perlati, è coltivato in Italia ed è il più utilizzato per i risotti proprio grazie  alla dimensione dei suoi chicchi e all’alta percentuale di amilosio, capace di assicurare un’ottima tenuta in  cottura. Oltre ai risotti, è indicato anche per i contorni e le insalate di riso. Il confezionamento è sottovuoto e  ogni confezione è contraddistinta da una “carta d’identità” che ne descrive le caratteristiche, i territori di  provenienza e le tecniche colturali.
  • Il riso integrale: anch’esso coltivato in Italia, è ideale per la preparazione di minestroni di verdura e insalate  fredde. Alce Nero ci dà alcuni consigli su come cuocere il riso integrale: è possibile cuocerlo tradizionalmente  (con acqua leggermente salata per circa 40 minuti) o per assorbimento. Per cuocere ad assorbimento si dovrà  far cuocere una porzione di riso in 3 porzioni corrispondenti di acqua (es. 100gr di riso in 3 litri di acqua  leggermente salata).
  • Il riso Nerone integrale, italiano, ha chicchi grandi di colore nero, si mantiene sempre al dente e si abbina  perfettamente a ricette a base di pesce. Il colore nero del chicco è naturale, non vi è quindi una colorazione  successiva alla raccolta. Il colore nero è dovuto alle sostanze polifenoliche e agli antociani. È una varietà  originaria della Cina ed è stato introdotto in Italia negli anni ’90.

La gamma di riso Alce Nero comprende inoltre il riso Arborio, il Baldo e il Rosa Marchetti, e ancora il riso Basmati coltivato in India e certificato Fairtrade.

Alce Nero da sempre si impegna rispetto alla divulgazione e alla trasparenza sui propri metodi di coltivazione  e sui propri processi produttivi. Un ulteriore passo verso questo racconto è stato rappresentato dal lancio del progetto Se dici Bio, grazie a cui vengono presentate le principali filiere del marchio attraverso una narrazione  inedita e autentica. Proprio grazie a questo, è possibile consultare un approfondimento sulla coltivazione del  riso Alce Nero e sul suo impegno per un’agricoltura sostenibile e responsabile: www.alcenero.com/blogs/riso risorse/la-coltivazione-del-riso-in-biologico

In un’intervista Giovanni Dinelli, professore ordinario presso il Dipartimento di Scienze e Tecnologie  Agroalimentari dell’Università di Bologna, illustra gli aspetti più importanti di questa materia prima: www.youtube.com

Fonte: Ufficio Stampa Alce Nero

Seguici sui social

Notizie da GreenPlanet

news correlate

Noberasco amplia la gamma delle barrette bio

C’è qualcosa di nuovo nello scaffale degli snack! Sono le novità Noberasco per la gamma di snack salutari che recentemente hanno fatto il proprio esordio nella Grande Distribuzione Organizzata

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ