Pressioni negli USA a favore degli OGM

ogm_9.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Ogm o biologico? E’ guerra del cibo negli Stati Uniti. E i colossi dell’industria alimentare affilano le armi, spendendo miliardi di dollari in lobby per portare avanti le loro cause.

Una battaglia combattuta reclutando professori, ricercatori e accademici con l’obiettivo di dare base scientifica alle loro rivendicazioni, e che si inasprisce in attesa del voto del Senato su un progetto di legge, già approvato dalla Camera, che vieta agli Stati di adottare leggi che richiedono la comunicazione dei cibi prodotti con ingredienti geneticamente modificati.

 

La comunità anti-ogm è per ora quella che sta vincendo la battaglia delle relazioni pubbliche, ma Monsanto, il colosso dei semi e degli ogm, si è alleato con la Biotechnology Industry Association e la Grocery Manufactures Association per portare avanti la sua battaglia sulla bontà dei cibi ogm e soprattutto degli erbicidi usati nelle coltivazioni ogm.

La promozione dei prodotti geneticamente modificati è spinta con l’aiuto di accademici e gli scambi di email con ricercati mostrano – riporta il New York Times – la crescente collaborazione. Uno dei nomi più rilevanti che si è schierato a favore dell’industria degli ogm è Kevin Folta, presidente del Dipartimento di scienze orticole all’Università della Florida.

‘La campagna di cattiva informazione nel campo biotecnologico è elevata e questo è un male nel progresso per trasformare la scienza e la conoscenza in produttività’ afferma Folta, uno degli accademici avvicinato dall’industria degli ogm per difendere e promuovere i suoi prodotti. I pagamenti e i fondi stanziati a ricercatori e accademici sollevano non poche perplessità, anche se non violano la legge. (fonte Meteo Web)

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ