Alce Nero, nel 2021 fatturato di 86 milioni di euro

Massimo Monti

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Alce Nero consolida la sua posizione sul mercato chiudendo il 2021 con un fatturato di 86 milioni di euro e una quota a valore sul totale biologico del 4.1%, confermandosi brand di riferimento del settore.

La linea di prodotti conservabili a temperatura ambiente Alce Nero Secco ha fatto registrare 81.4 milioni di fatturato, di cui ben 6.5 milioni derivanti dal segmento Baby Food, in crescita dell’8% rispetto al 2020. In particolare, con una variazione del +11.3%, si sono distinti gli omogeneizzati, rientrando a pieno titolo tra le 10 categorie che hanno inciso di più sull’intero fatturato 2021 di Alce Nero secco. Tra queste famiglie di prodotti spiccano anche Confetture, Frollini e Biscotti e si riconfermano forti Passate e Polpe, Pasta e Legumi Lessati. Significativo il peso dell’innovazione, che è valsa entrate per 4 milioni di euro.

L’innovazione continua ad essere una componente fondamentale del successo del gruppo, attestando la sua incidenza al 10% sul totale del marchio Alce Nero. Il contributo dei prodotti lanciati nell’ultimo triennio è stato di 7.6 milioni solo nel 2021, un risultato importante che dimostra l’efficacia degli investimenti in ricerca e sviluppo.

Produrre e commercializzare prodotti freschi biologici è invece l’impegno di Alce Nero Fresco, che ha chiuso il 2021 a 3 milioni. I grandi numeri restano legati a zuppe e uova, le categorie più importanti per l’azienda, che da sole ne hanno determinato il 70% delle entrate.

Per Alce Nero Freddo, che pesa 1.6 milioni di fatturato, sono verdure e pizze le linee che contribuiscono alla crescita del settore, seguite da zuppe e minestroni. Buone anche le vendite dei piatti proteici, lanciati a giugno e subito ben accolti dai consumatori, sempre più orientati verso prodotti ad alto contenuto di proteine vegetali.

I canali di vendita e distribuzione vedono in testa GDO ed Export, che hanno avuto un peso dell’86% sul fatturato netto di tutto il marchio Alce Nero. Dopo il boom del 2020, l’e-commerce continua a crescere, con un incremento del 2.2%. Raddoppia quasi le sue performance il Food Service e anche il canale delle Farmacie/Baby Shop fa registrare una buona ripresa.

“Siamo decisamente soddisfatti dei risultati ottenuti nel 2021. Dopo un 2020 segnato da una imprevista e imprevedibile crescita a due cifre – anche sostenuta dal lockdown totale della primavera di quell’anno – consolidare quei risultati era il massimo obiettivo che ragionevolmente potevamo porci”, dichiara Massimo Monti, 6 Alce Nero. “Con Alce Nero siamo cresciuti di altri due punti percentuali, portando l’aumento del fatturato 2021 sul 2019 (l’ultimo anno non condizionato dalla pandemia) al 20.6%. Il fatto che poi questo consolidamento della crescita del 2020 abbia riguardato tutti i nostri canali, vendite online comprese (nonostante risultati triplicati nel 2020 rispetto al 2019), ci gratifica ulteriormente e ci consente di pensare al futuro, forse mai come oggi così incerto e di difficilissima lettura, con ottimismo”.

Per il 2022 Alce Nero ha già delineato nuovi obiettivi di crescita, sulla scia della direzione intrapresa e dei risultati positivi raggiunti.

Fonte: Ufficio stampa Alce Nero 

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

Alce Nero, tornano le zuppe estive

In vista dell’estate, Alce Nero consiglia la linea di zuppe adatte anche alla stagione estiva, pronte da gustare, perfette per un pasto semplice e veloce.

Da Probios tre nuovi snack biologici

Probios, azienda leader nella distribuzione di prodotti biologici di Calenzano (FI) lancia tre nuovi snack: le Patatine all’olio extravergine di oliva con il 30% di

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ