AIAB: stop al mais OGM, bene il governo

logo%20aiab%20vinitaly_2.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

‘La decisione di respingere la richiesta di coltivazione di ibridi di mais OGM, presentata lo scorso anno da Silvano Dalla Libera, ci rassicura e conferma che un’agricoltura italiana libera da OGM è ciò che le norme impongono, ma anche ciò che la maggior parte del Paese chiede. L’interesse per la coltivazione di colture OGM è solo di pochissimi, ma va a scapito dei tanti agricoltori che fanno della qualità e della salvaguardia della biodiversità la base delle proprie attività economiche, con conseguenze sulla larghissima maggioranza dei cittadini, sul rispetto della loro volontà e sulla loro sovranità alimentare’.

AIAB commenta così il Decreto Interministeriale, firmato congiuntamente dal ministro delle Politiche alimentari Mario Catania, dal ministro della Salute Renato Balduzzi e dal ministro dell’Ambiente e Territorio Corrado Clini, ai sensi del decreto legislativo n.212 del 24/04/2011 con cui si respinge la richiesta di messa in coltura degli ibridi di mais geneticamente modificati, iscritti al Catalogo comune, formulata dall’Azienda Agricola Dalla Libera.

‘L’agricoltura biologica italiana può continuare a crescere, a consolidare la propria offerta e ad affermarsi come alternativa economicamente sostenibile per molti agricoltori, solo se viene assicurato un contesto libero da OGM, cosa che questo Decreto interministeriale garantisce – ha proseguito Cristina Micheloni, vicepresidente AIAB -. Ora si acceleri sull’applicazione della clausola di salvaguardia, così potremo garantire un’Europa libera da OGM’.

‘La decisione del Governo – ha aggiunto Micheloni – avrà particolare ricaduta in Friuli, sede dell’azienda Dalla Libera e terra di aspre battaglie negli ultimi anni. Ci auguriamo che la Giunta Regionale che uscirà dalle urne in questo fine settimana non abbassi la guardia sulla sorveglianza circa le semine di mais sospetti, ma colga l’occasione per ripartire da un piano agricolo che dia valore al territorio e le competenze degli agricoltori friulani’. 

 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

Il mondo del Bio contro gli OGM

Le organizzazioni dei produttori biologici, dell’agricoltura contadina e della società civile esprimono profonda preoccupazione rispetto alla posizione della Commissione europea che si è espressa a

Talk di AssoBio su regole e F2F

Una tavola rotonda per favorire il dibattito sul futuro del biologico, tra chi ogni giorno lo produce sul campo e lo distribuisce ai consumatori e

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ