A Roma maratona eco-compatibile

la%20corsa%20di%20miguel%20roma%20news.png

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Sarà un’edizione tutta dedicata all’ambiente, quella de ‘La corsa di Miguel’ 2012, la tradizionale maratona romana dedicata però a tutti gli sportivi che amano correre ma rigorosamente ‘senza cronometro al polso’. La manifestazione, presentata nella palestra dell’università del Foro Italico e in programma il prossimo 22 gennaio, è organizzata dal Club Atletico centrale, dall’assessorato alle politiche sportive della Provincia di Roma e dalla Regione Lazio.

La novità di questa nuova edizione sarà il percorso ‘Ambientalissima’: tre chilometri, dallo stadio Paolo Rosi a Villa Glori, in cui potrà cimentarsi chiunque, anche chi non corre abitualmente e chi non è ufficialmente iscritto alla maratona. Protagonista della corsa 2012 sarà il tema dell’eco-compatibilità. Niente più rifiuti in strada. E i punti ristoro allestiti durante il percorso saranno rigorosamente realizzati con materiali riciclabili o biodegradabili al cento per cento.

‘Inoltre – spiega Marco Bonarrigo, uno dei fondatori della manifestazione – tutti coloro che arriveranno alla partenza con il trenino delle ferrovie di Viterbo riceveranno un omaggio, oltre alla colazione gratuita servita davanti alla stazione di Roma- Acqua Acetosa. Altre novità rispetto alle precedenti edizioni saranno la corsa ciclistica che partirà un’ora prima, un rinfresco offerto dall’associazione di Don Ciotti a Roma- Formello e un pasta party allestito a Villa Glori’.

Dieci gigantografie racconteranno infine la corsa di Miguel Sanchez insieme a dieci miti dello sport. Tutti i manifesti avranno un codice stampato con il quale si potrà accedere a un video sulla storia dell’uomo a cui la corsa di Roma è dedicata.

‘Un’iniziativa un po’ diversa dalle altre – spiega l’assessore provinciale alle politiche giovanili Patrizia Prestipino – perché non si corre per arrivare primi, non si corre pressati da un cronometro, ma con la voglia di esserci e di dare una piccola rappresentanza sociale sportiva e morale. Lo si fa in una città che oggi sta perdendo il suo senso comunitario e manifestazioni come questa, di alto valore sociale, aiutano a ricostruire il tessuto identitario. E’ un momento di grande sport ma anche di lotta alle ingiustizie: un messaggio per tutti i cittadini romani. L’idea che ci siano atleti disabili ci rende anche consapevoli del fatto che lo sport davvero non conosce ostacoli’.

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

Carni fresche bio: il quadro di Salvo Garipoli

Si è tenuto giovedì scorso, in diretta dalla splendida cornice dell’Azienda Agricola Valentina Cubi in Valpolicella, il webinar – organizzato da GreenPlanet, in collaborazione con l’agenzia

Con B/Open si parla di Bio e GDO

La Grande Distribuzione Organizzata al centro di un doppio appuntamento di approfondimento organizzato da Veronafiere, con focus di Vinitaly dedicato al mercato del vino e

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ