Villarè, fattoria urbana biologica alla periferia di Messina

STANDARD PER SITO GREENPLANET (6)

Condividi su:

Facebook
Twitter
LinkedIn

Quando si pensa a Messina è lo Stretto con il suo mare a venir subito in mente, ma in questa città spesso sottovalutata, sono attive iniziative originali come la fattoria urbana Villarè. Un’esperienza interessante, avviata nel 2013 dall’idea di Angelo Villari e di sua figlia Marzia, che ha studiato Economia a Milano, ma ha deciso di sposare l’idea del padre, di tornare in Sicilia portando le sue competenze ma “sporcandosi le mani e stando in mezzo alla terra”, come ci tiene a sottolineare.

L’azienda sorge nella zona di Minissale, dove in passato esisteva un borgo contadino, e ha ai suoi piedi la città e il mare. Villarè produce ortofrutta biologica, ma è anche un progetto di didattica per i bambini. Infatti, qui si è nato il primo asilo all’aperto dove l’insegnante è la Natura e dove i consumatori di domani apprendono quanto sia fondamentale conoscere gli ortaggi, gli agrumi e quant’altro viene prodotto in base ai clicli naturali e al clima. “Abbiamo deciso di riproporre il progetto anche alle scuole primarie – ci ha fatto sapere Marzia Villari – perché sono le nuove generazioni che vanno educate e possono essere di esempio in famiglia. Speriamo questo nostro modo di fare agricoltura etica sia modello per un futuro più verde e innovativo”.

Certamente Villarè è una piccola realtà, sia per la sua posizione che per i quattro ettari e mezzo a terrazzamenti che ospitano agrumeti, uliveti e ortaggi. La caratteristica è la coltivazione totalmente biologica, stagionale e a km0. Vi si trovano curiosità come la zucchina spinosa, che mangiata cruda ha un gusto tra il finocchio e il cetriolo, e colpisce per la sua forma irregolare, con peluria e leggere spine, che non pungono ma tengono lontani insetti e animali. Ortaggio arrivato dalle Americhe, dove è conosciuto con il nome di “chayote”, si è adattata al clima mediterraneo e si presta alla rotazione delle colture.

“Qui non troverete mai prodotti fuori periodo – sottolinea Marzia -, ogni stagione ha un suo frutto, ortaggio, colore, ogni mese ha un profumo e un gusto diversi, e aspettare che la natura completi il suo ciclo permette di assaporare ogni prodotto al massimo delle sue qualità. Vendiamo direttamente, in loco e nei mercatini, e forniamo alcuni punti vendita del territorio. Da qualche tempo abbiamo richieste anche da alcuni e-commerce, ma vuoi per scelta che per numeri, non lavoriamo con i grandi”.

A Villarè l’agrumeto è composto da arance, limoni e soprattutto mandarini. Questi in GDO sono sempre meno presenti a vantaggio dei mandaranci, preferiti per la forma regolare e perché senza semi. Questo non vale a Villarè; valgono la bontà, il gusto, il sapore. Gli agrumi meno belli esteticamente vengono trasformati in marmellate, spremute, liquori e sorbetti, con una sana logica di recupero dello scarto.

Non mancano gli animali: asini, galline, il cavallo, la capra, il pavone, preziosi come “fabbriche” di concime organico e come baluardo di biodiversità e di salvaguardia delle razze autoctone.

Villarè infine offre la possibilità di dormire in mezzo alla natura dentro la grande “Green Bubble Room”, da cui è possibile vedere le stelle, sentire gli odori dell’orto e i rumori della natura.

Giuliana Avila Di Stefano

Seguici sui social

Notizie da GreenPlanet

news correlate

Noberasco amplia la gamma delle barrette bio

C’è qualcosa di nuovo nello scaffale degli snack! Sono le novità Noberasco per la gamma di snack salutari che recentemente hanno fatto il proprio esordio nella Grande Distribuzione Organizzata

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ