‘Vestiti che fanno male’ di Rita dalla Rosa

vestiti%20che%20fanno%20male%20dalla%20rosa.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Un libro inchiesta (‘Vestiti che fanno male’, euro 10), scritto da Rita dalla Rosa e edito da Terre di Mezzo, svela i pericoli per la salute che si celano dietro i capi di abbigliamento. GreenPlanet se ne è occupato più volte ma vale la pena non mollare la presa: ci sono vestiti che fanno male all’ambiente, a chi li produce e a chi li indossa. Prestiamo molta più attenzione a ciò che mangiamo e ai prodotti per l’igiene e la pulizia della persona e della casa, senza considerare che molto spesso anche ciò che indossiamo può essere nocivo.

Le sostanze chimiche con cui vengono lavorati i capi di abbigliamento vengono a contatto con la pelle e possono provocare irritazioni e allergie. Nonostante molte di esse siano state messe al bando dalla Comunità Europea, la maggior parte dei vestiti che usiamo è d’importazione e l’importatore non è tenuto ad effettuare controlli in questo senso. Alcuni trattamenti sono estremamente dannosi per l’ambiente e per chi quei vestiti li lavora. Il processo di sabbiatura per esempio è a rischio silicosi, una malattia letale che si sviluppa in pochi mesi di lavoro.

Come per i prodotti alimentari, anche nel vestiario è dunque importante fare attenzione all’etichetta e al produttore. Contrariamente a ciò che si potrebbe pensare, il capo d’abbigliamento che non fa male, non è necessariamente un capo di fascia medio alta. Il segreto è scegliere abiti prodotti in Italia e in Europa (generalmente più sicuri), né griffati né prodotti di fast-fashion (i vari H&M).

Dell’autrice ci siamo già occupati una volta, quando è uscito il suo libro ‘La casa tossica’. Brava Rita dalla Rosa: con le sue attente osservazioni, ci aiuta a tenere gli occhi aperti.

 

Seguici sui social







Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ