Sfida di Greenpeace alla Settimana della moda

_TEO6285.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Anticipando di un’ora il primo evento dell’attesa Settimana della moda di Milano, gli attivisti di Greenpeace hanno proposto al pubblico e ai giornalisti la mattina del 20 febbraio un’acrobatica sfilata verticale.

Gli attivisti hanno srotolato sul Castello Sforzesco un green carpet lungo 12 metri che replica il guanto di sfida lanciato dalla campagna Fashion Duel al mondo dell’alta moda, per lanciare forte e chiaro un messaggio a tutti gli stilisti italiani che si preparano a presentare le proprie nuove collezioni. Sul green carpet una modella-scalatrice ha sfilato per passanti e giornalisti rivoluzionando il concetto di passerella.

‘Abbiamo pensato di sfidare la moda, nella giornata inaugurale delle sfilate milanesi, con una passerella che sarebbe una sfida per chiunque’ , ha raccontato Chiara Campione, responsabile campagna di Greenpeace. ‘Con Fashion Duel chiediamo alle maggiori griffe di impegnarsi nell’unica vera tendenza che rispetta il Pianeta: una moda non contaminata da deforestazione e sostanze tossiche’.

Nella classifica di The Fashion Duel (www.thefashionduel.com) le case d’Alta moda sono state valutate in base alla trasparenza delle filiere produttive, le politiche ambientali in atto e la disponibilità a un impegno serio per dire no alla deforestazione e all’inquinamento.

In testa Valentino Fashion Group, l’unico marchio a impegnarsi per raggiungere gli ambiziosi obiettivi deforestazione zero e scarichi zero nelle propria produzione. Altri, tra cui Ferragamo, Armani, Luis Vuitton e Dior, hanno mostrato trasparenza rispondendo ai questionari di Greenpeace ma si sono impegnati solo parzialmente a raggiungere gli obiettivi deforestazione zero e scarichi zero. 

Tra i peggiori, valutati ‘zero in condotta’ dall’associazione ambientalista, troviamo Prada, Dolce&Gabbana, Chanel ed Hermes. Nonostante le ripetute richieste di informazioni queste aziende si sono rifiutate di fornire le informazioni necessarie a una valutazione. ‘Declinando il dialogo si stanno dimostrando irresponsabili nei confronti dei consumatori, le ultime foreste e le risorse idriche del Pianeta. La nostra sfida continuerà fino a quando non avremo convinto anche loro che la moda, quella vera, è troppo bella per costare qualcosa al pianeta’ ha concluso Chiara Campione.

Sul sito www.thefashionduel.com migliaia di persone stanno firmando una petizione chiedendo a queste aziende di partecipare alla sfida per una moda più pulita. 

 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

Il mondo del Bio contro gli OGM

Le organizzazioni dei produttori biologici, dell’agricoltura contadina e della società civile esprimono profonda preoccupazione rispetto alla posizione della Commissione europea che si è espressa a

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ