Regolamento UE. Le perplessità di Piva (CCPB)

fabrizio%20piva%20ccpb%20greenplanet_0.jpg.png

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Fabrizio Piva, amministratore delegato del CCPB, è scettico sulla proposta di regolamento europeo in materia di agricoltura biologica raggiunto il 16 giugno a Lussemburgo.

‘Sulla questione delle soglie di contaminazione – ha dichiarato Piva in un’intervista a Italiafruit News – l’Italia rimane con la propria soglia mentre i Paesi che ne sono privi continueranno a essere liberi fino al 2020, quando ci sarà un approccio omogeneo. Dov’è l’uniformità?”.

Sui controlli Piva dichiara nella stessa intervista:

‘L’impressione è che si allargheranno le maglie creando regole a macchia di leopardo nell’UE, dove prima era previsto ovunque un controllo l’anno; ora ogni singolo Paese potrà decidere di ridurre la frequenza dei controlli fino a un massimo di 30 mesi. Si va contro lo spirito della riforma che proponeva di adottare regole più restrittive’.

Dubbi di Piva anche sull’introduzione della certificazione di gruppo, volta a consentire un accesso più facile per le piccole aziende produttrici nel settore del biologico:

‘Quali sono i criteri e i parametri in base ai quali un produttore viene definito piccolo? Quali i requisiti minimi per l’internal control system? E a chi andrà rilasciato il certificato? Ci si augura alla sola capogruppo che abbia piena disponibilità del prodotto’. 

 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ