Pesticidi, in 10 anni raddoppiato l’impatto tossico su api e impollinatori

pesticidi

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

L’impatto tossico dei pesticidi sulle api e altri impollinatori è raddoppiato in un decennio nonostante la quantità di quelli utilizzati sia diminuita perché “la tossicità totale applicata agli invertebrati è notevolmente aumentata dal 2005”. A denunciarlo è uno studio condotto dal professor Ralf Schulz, dell’Università di Coblenza e Landau in Germania, pubblicato dalla rivista Science e riportato nei giorni scorsi dal ‘Guardian’.

I risultati hanno di fatto smentito l’ipotesi che il calo della quantità di pesticidi utilizzati stia riducendo il loro impatto ambientale così come l’idea che le colture OGM porterebbero a ridurne l’uso.

I motivi potrebbero essere molteplici, gran parte dei quali non ancora noti a causa della mancanza di open data relativi all’uso di sostanze chimiche in agricoltura in buona parte dei Paesi nel mondo. Una lacuna importante per il team di ricercatori che si è comunque ritenuto soddisfatto per aver avuto a disposizioni quelli alla base dello studio.

Lo studio ha utilizzato i dati del governo degli Stati Uniti sull’uso dei pesticidi e il livello di tossicità di 380 pesticidi usati nel Paese dal 1992 al 2016. Ciò ha consentito di valutare i cambiamenti nel tempo. Guardare esclusivamente la quantità di pesticidi applicata avrebbe fornito un’immagine falsa, hanno fatto sapere gli scienziati.

Una evidenza tangibile è che “i composti più tossici per i vertebrati sono stati sostituiti da altri meno nocivi e questo è davvero un successo. Ma allo stesso tempo i pesticidi sono diventati più specifici e quindi, purtroppo, anche più dannosi per organismi quali gli insetti impollinatori e gli invertebrati”, ha commentato Schulz, che ha aggiunto: “Le colture geneticamente modificate sono state introdotte sostenendo che avrebbero ridotto la dipendenza dell’agricoltura dai pesticidi chimici. Questo ovviamente non è vero se ci si attiene ai livelli di tossicità”.

Insomma nulla di rassicurante emerge dalla ricerca, ma il bicchiere non è ancora vuoto: “Più informazioni abbiamo rispetto ai problemi esistenti, meglio è. In quest’ottica definirei il nostro studio una buona notizia, in quanto punto di partenza di un successivo dibattito politico e sociale sul tipo di effetti che vogliamo che i pesticidi abbiano o non abbiano”, ha concluso Schulz.

Fonte: The Guardian

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ