Patto per l’agricoltura bio: ecco le adesioni

aiab%20logo%20sito_0.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Quasi trenta candidati alle imminenti elezioni politiche si sono impegnati a favore dell’agricoltura biologica, firmando il patto per l’agricoltura proposto da AIAB per la XVII Legislatura. Un decalogo, articolato in 10 impegni concreti, per il sistema agroalimentare italiano e per l’ambiente che AIAB ha proposto a tutti i candidati di ogni coalizione politica, in lizza per la prossima tornata elettorale. I firmatari hanno potuto scegliere di aderire all’intero decalogo o sottoscrivere singoli punti, assumendosi la responsabilità di una verifica da parte di AIAB in quattro momenti della legislatura: nei primi 100 giorni, al termine del 2013, a metà mandato e alla sua scadenza.

Tra i firmatari del decalogo sono presenti esponenti di diversi schieramenti e appartenenze politiche. Nel centro sinistra, per il Partito Democratico, hanno firmato Vittorio Barazzotto, Giorgio Cingolani, Susanna Cenni, Giampiero Giulietto, Maurizio Ionico, Michela Marcone, Raffaella Mariani, Andrea Orlando, Ermete Realacci, Alessandra Terrosi. Nella stessa coalizione, ma per Sinistra Ecologia e Libertà, a sottoscrivere sono stati: la responsabile agricoltura del partito, Loredana De Petris, insieme a Laura Boldrini, Antonella Cammardella, Umberto Cinalli, Sara Fischetti, Monica Frassoni, Luigi Laquaniti, Massimo Molteni, Elisabetta Piccolotti.

Sono presenti anche esponenti di Rivoluzione civile di Ingroia, tra cui hanno firmato Maria Teresa Belardo, Angelo Bonelli, Stefano Leoni, Giorgio Turchetti, Simona Simonetti, mentre per il MoVimento 5 Stelle hanno aderito Roberto Carchia, Lucia Ferro e Adriano Zaccagnini.

Non sono mancate le adesioni dal fronte del centrodestra, anche se in misura minore: Paolo Russo del Popolo della Libertà e Laura Barbanera di La Destra.

‘Abbiamo rivolto alla politica un appello di assunzione di responsabilità concreto per garantire la ricostruzione di un ruolo guida del nostro Paese sui fronti del rispetto ambientale, della qualità e salubrità dei sistemi produttivi, a partire da quello agroalimentare – ha dichiarato il presidente di AIAB, Alessandro Triantafyllidis – .

Hanno risposto soprattutto i rappresentanti di quei partiti che si ispirano, più o meno esplicitamente, al tema dei beni comuni, asse portante del nostro ragionamento. Siamo convinti, pertanto, che le istanze che abbiamo promosso trovino nei sottoscrittori del nostro Decalogo, una volta assunto il loro ruolo istituzionale, dei determinati interlocutori politici con cui dare futuro a un modello di sviluppo sano ed equilibrato che in ambito agroalimentare sia incardinato sull’agricoltura biologica’.

E’ ancora possibile sottoscrivere da parte dei candidati il decalogo di AIAB per la XVII Legislatura sul sito: www.aiab.it

 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

Il mondo del Bio contro gli OGM

Le organizzazioni dei produttori biologici, dell’agricoltura contadina e della società civile esprimono profonda preoccupazione rispetto alla posizione della Commissione europea che si è espressa a

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ