Partnership tra CSQA e IGEA per rilanciare le certificazioni al Sud

Progetto senza titolo (57)

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Il biologico sembra vivere un momento di grande attenzione da parte del legislatore italiano con l’avvio al completamento dell’iter legislativo al governo centrale per una legge in materia (vedi news) e per la nuova collaborazione tra CSQA e IGEA Srl  per le certificazioni bio nel Mezzogiorno d’Italia.

A breve verrà istituito anche un tavolo tecnico al Mipaaf che comprenderà esperti e tecnici per individuare le criticità del settore. Intanto, sempre il governo ha emanato un bando per la ricerca sul biologico con risorse pari a 4,2 milioni di euro.

CSQA è il principale Organismo di Certificazione in Italia nel settore agricolo e alimentare con oltre 65 prodotti DOP, IGP, STG controllati e decine di migliaia di aziende certificate in ambito volontario. Sul fronte del Biologico, come Organismo di Controllo autorizzato dal MIPAAF con codice IT-BIO-021, si occupa dello sviluppo delle certificazioni relative all’Agricoltura Biologica, intesa sia come produzione primaria sia come trasformazione dei prodotti, nonché dei prodotti no-food che utilizzano ingredienti agricoli biologici e tecniche produttive che seguono i principi dell’agricoltura biologica.

È notizia recente di un nuovo e rinnovato partenariato tra organismi di settore nell’ottica di azioni strategiche condivise.

A tale riguardo, abbiamo interpellato Maurizio Agostino, Responsabile CSQUA, (nella foto) per il Sud Italia: “Siamo una società specializzata nell’agroalimentare da 26 anni, il nostro nucleo storico è nato con il biologico, ci interfacciamo con diversi organismi di certificazioni per le cinque regioni meridionali. Abbiamo ben chiara l’idea di un partenariato strategico e lo portiamo avanti per accorpare le certificazioni nell’agro-alimentate senza fare più distinzioni per il bio. A nostro modo di vedere le cose  se una coltura è pronta per la commercializzazione, meglio ancora per la grande distribuzione sarebbe dispersivo e poco pragmatico azionare la macchina dei controlli e delle certificazioni in modo distinto, seguendo in modo alternato una volta l’iter previsto per la coltura in quanto agro-alimentare e l’atro perché bio. Uno spreco di tempo, mezzi e risorse che non fa bene a nessuno. La costituzione di un’unica sede per il Mezzogiorno d’Italia a Vibo Valentia in partnership con IGEA ci consentirà di intraprendere un lavoro di studio e analisi dei territori sempre nell’ottica delle grandi reti aziendali anche in vista dell’individuazione di brand identificativi di questa o quell’area come sta avvenendo nel Metapontino per la fragola”.

Insomma, una progettualità che sicuramente aiuterà il bio a sollevarsi da cordate di nicchia in cui fino ad ora era relegato e che, allo stesso tempo, si prospetta come una grande opportunità per le aziende agricole e agroalimentari. Finalmente, si va verso il marchio biologico italiano per garantire trasparenza e filiera.

Maria Ida Settembrino

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ