Ortofrutta bio, nel 2021 l’incidenza sale al 9,3%

Rapporto ISMEA Ortofrutta Bio

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Dallo spaccato del comparto ortofrutticolo bio tracciato dall’ultimo rapporto ISMEA emerge il ritratto di un settore pronto a raccogliere le nuove sfide.
Per quel che riguarda i dati strutturali, nel 2020 erano dedicati alla produzione di frutta e verdura bio 205.036 ettari (frutto di un incremento del +31% negli ultimi dieci anni) con un 16% di incidenza del bio sul convenzionale (stessa incidenza delle altre principali macrocategorie).

A livello di mercato, i consumi di ortofrutta bio degli italiani, secondo ISMEA, nel 2021 hanno toccato i 3,4 miliardi di euro, in leggera flessione rispetto al 2020 ma in crescita del 4,5% rispetto al 2019. Lo scorso anno, inoltre, l’incidenza delle vendite di biologico sulla spesa per l’agroalimentare è stata del 4% (invariata rispetto al 2020). Mentre riducendo l’orizzonte al solo comparto ortofrutticolo, l’incidenza del bio sul totale sale al 9,3%. Nel carrello della spesa bio frutta e ortaggi sono le categorie merceologiche più rappresentate (46,1% nel bio vs 20% nel convenzionale): sebbene nel triennio 2018-2021 il valore al consumo di ortaggio bio è cresciuto del 9% mentre quello della frutta bio è rimasto sostanzialmente stabile.

Un dato interessante che rileva ISMEA è che la quota più rilevante delle vendite di frutta e verdura bio viene realizzata nel canale ExtraGDO (negozi specializzati, mercati, vendita diretta):

Rispetto ai prezzi, il differenziale riconosciuto all’origine per il prodotto biologico e l’omologo convenzionale varia tra le diverse referenze; in alcuni casi arriva a un +40%, in alcuni invece tale delta non copre nemmeno i maggiori costi di produzione.

Invece, il prezzo a scaffale nel campione di prodotti biologici selezionato da ISMEA è rimasto piuttosto stabile negli ultimi quattro anni mentre il valore aggiunto lungo la filiera (differenziale di prezzo tra origine e consumo) è piuttosto elevato per la maggior parte dei prodotti analizzati. Gran parte del valore viene prodotto nella fase distributiva.

Scarica il Rapporto ISMEA

Seguici sui social




Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ