Le Regioni italiane confermano il no agli OGM

no%20ogm.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

La Conferenza delle Regioni e delle Province autonome ha approvato e consegnato al governo un ordine del giorno in materia di OGM che ribadisce la posizione più volte espressa di contrarietà alla coltivazione di organismi geneticamente modificati sul territorio nazionale e impegna il governo stesso a garantire che per ciascuna domanda presentata o autorizzazione concessa sia predisposta una specifica richiesta alla Commissione europea che preveda di escludere la coltivazione degli organismi geneticamente modificati dall’intero territorio dell’Italia; inoltre a trasmettere senza indugio, e comunque non oltre i termini indicati dalla legge, alla Commissione europea le richieste dell’Italia di adeguamento dell’ambito geografico delle notifiche/domande presentate o delle autorizzazioni concesse, in modo che tutto il territorio nazionale sia escluso dalla coltivazione degli organismi geneticamente modificati.

 

Particolare soddisfazione per il provvedimento è stata espressa dalla vicepresidente della Regione Marche e assessore regionale all’Agricoltura, Anna Casini, che riveste anche il ruolo di coordinatrice delle Regioni italiane in materia di OGM e di vice presidente della rete delle Regioni europee OGM-free.

‘L’atto approvato – afferma l’assessore Casini – è un ulteriore tassello alla battaglia contro gli OGM intrapresa dalle Marche sin da 2003, quando venne individuata e distrutta una coltura di mais contaminata e istituito il marchio QM (Qualità garantita dalle Marche) per valorizzare e tutelare i prodotti regionali.

Le Regioni italiane e la Regione Marche ritengono infatti che la coesistenza tra OGM e colture biologiche e tradizionali sul territorio italiano non sia tecnicamente e realisticamente realizzabile.

Considerano infatti prioritaria la volontà dei consumatori italiani ed europei che non vogliono vedere nei loro piatti alimenti che contengono OGM’.

 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ