La guerra uccide le specie rare come l’Ibis in Siria

ibis.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Le aree di crisi, sconvolte da conflitti, attentati e violenze, oltre al loro carico terribile di morti e distruzioni, rischiano di far estinguere alcune specie rare della fauna selvatica. Sta avvenendo in Libia e in Siria. E’ il caso dell’ibis eremita orientale, un uccello raro e ora in pericolo critico d’estinzione.

Ne rimangono poche colonie solo in Marocco (da 300 a 400 esemplari) mentre resisteva con pochi esemplari in Siria. Adesso la popolazione siriana – dalle caratteristiche genetiche uniche, scoperta nel 2002 dal biologo italiano Gianluca Serra – è estinta: l’ultimo esemplare, una femmina di nome Wisdom, è stata avvistata l’ultima volta a Palmira nel 2014, e da allora più nulla.

 

Nel maggio 2015, tre esemplari in cattività erano stati abbandonati dai loro custodi in fuga dai combattimenti, e le autorità avevano invano offerto 1000 dollari di ricompensa a chi avesse dato notizie degli uccelli.

 

Seguici sui social

 






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ