La CIA: il biologico fenomeno di massa

statistica.jpg

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Non solo Coldiretti, anche l’altra grande confederazione dell’agricoltura, la CIA, dedica attenzione al biologico in occasione del SANA di Bologna.

E lo fa con un’analisi attenta e precisa. Il biologico continua a guadagnare spazio – sottolinea la CIA – sia nel carrello dei consumatori che sui terreni degli agricoltori. 

Gli acquisti ‘bio’ crescono ormai ininterrottamente dal 2005, con un andamento assolutamente anticiclico, e sale la spesa degli italiani anche per nuovi prodotti come caffè, pasta e omogeneizzati biologici.

Ma la vera novità sta nella gamma di offerta raggiunta ormai dai prodotti biologici nel largo consumo: se è vero che ortofrutta e uova rappresentano ancora le merci più acquistate, con un’incidenza sulla spesa complessiva di bio rispettivamente del 30 per cento e del 10 per cento circa, ad aver trascinato così in alto il settore nella prima parte del 2014 sono le nuove categorie di ‘pasta, riso e sostituti del pane’ (a base di kamut, farro o grano saraceno) con un aumento record del 73 per cento, seguiti dalle voci ‘zucchero, caffè e tè’ (+37,2 per cento) e dagli omogeneizzati (+21,3 per cento). Una linea completa che è frutto anche dello sviluppo di uno stile alimentare ‘etico’ ed ecosostenibile che interessa soprattutto i giovani e coinvolge sempre più spesso i neo-genitori. Anche il mondo produttivo non sta a guardare e lavora per rendere il biologico una delle certezze dell’agroalimentare italiano.

Nell’ultimo anno, infatti, il numero delle aziende certificate è cresciuto del 5,4 per cento con il boom delle regioni meridionali, con il podio occupato dalla Sicilia (gli operatori sono aumentati del 24,9 per cento) e a seguire Calabria e Puglia. Lo stesso vale per la superficie dedicata, con un totale di 1,3 milioni di ettari lavorati secondo il metodo biologico e un incremento annuo del 12,8 per cento: svettano le aree destinate a cereali, foraggio, olivo e vite, così come gli allevamenti in particolare di polli, che hanno superato quota 3 milioni di capi.

 

Seguici sui social








Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ