L’insostenibilità della crisi

spagna%20crisi%20fotona%20editoriale%20greenplanet.png

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Avremmo preferito occuparci, in questa breve nota settimanale, delle vacanze sostenibili, commentando alcune notizie curiose che arrivano dagli Stati Uniti dove l’argomento è di gran moda, o dell’impatto non solo mediatico ma anche ambientale delle Olimpiadi che partono in queste ore a Londra, invece è d’obbligo tentare una riflessione sulla crisi economica perché la situazione in Europa e in Italia sta raggiungendo livelli allarmanti con riflessi drammatici sulla vita se non della maggioranza dei cittadini almeno su una fascia crescente della popolazione.

 

Le manifestazioni dei giorni scorsi a Madrid e in altre città spagnole contro i tagli imposti dal governo per salvare lo stato dalla bancarotta (default, la chiamano gli esperti) hanno messo a nudo una realtà drammatica, di cittadini con lo stipendio decurtato, di pensionati che con i soldi non arrivano alla fine del mese, di disoccupati con una famiglia da mantenere, di giovani senza speranze per il futuro.

Sono scesi in piazza anche insegnanti, funzionari pubblici, persino i militari (che hanno scelto l’obbedienza per mestiere ma che debbono pure sbarcare il lunario). Cose del genere si erano viste anche in Grecia, qualche mese fa, ma la Spagna, a differenza della Grecia, è un Paese di grande peso economico e demografico in Europa per cui ciò che succede a Madrid ha conseguenze dirette su tutte le capitali europee.

L’Italia è messa un po’ meglio della Spagna ma non mancano situazioni simili nei due Paesi: la bancarotta di alcune regioni spagnole non è diversa dal fallimento della gestione dell’economia pubblica siciliana e molti dei nostri enti locali vivono momenti di grande difficoltà. Si parla di tagli pesanti della sanità: una scelta incivile.

Ora sappiamo che l’economia è una delle gambe su cui si regge il tavolo della sostenibilità. Ambiente, energia, economia: se anche uno solo di questi elementi non è sostenibile, la sostenibilità non esiste. Ed è chiaro che oggi l’economia, anzi la crisi economica è diventata insostenibile. Chiaro è pure che l’Europa deve darsi regole nuove, più omogenee, più solidali altrimenti uscirà da questa crisi con le ossa rotte trascinando in una situazione difficile tutti gli europei, anche i cittadini degli Stati meno colpiti dalla recessione.

L’economia verde in Europa è in fase di decollo, sembra anti-ciclica ovvero al riparo della tempesta finanziaria, eppure non è abbastanza solida oggi per essere la chiave di volta, la via d’uscita. E’ però una componente fondamentale del pacchetto di iniziative da incentivare per cominciare a frenare questa discesa verso la povertà. Forza Europa, serve il coraggio di svoltare.

Antonio Felice

editor@greenplanet.net

Seguici sui social

 






Notizie da GreenPlanet

news correlate

La lobby che non piace a Federbio

L’editoriale del 30 agosto (Due lobby che si scontrano) ha sollevato molteplici reazioni, critiche ed è stato oggetto di dietrologie. E’ stato anche letto da

Editoriale. Due lobby che si scontrano

L’uscita del Consorzio il Biologico di Bologna, società collegata all’organismo di certificazione CCPB, dalla Federazione di settore FederBio, è sfociata oggi, con l’intervento del presidente

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ