Il colosso Findus vira verso la sostenibilità

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Findus, azienda leader in Italia per la produzione di un’ampia gamma di prodotti surgelati di alta qualità, ha aderito a SAI Platform, la principale iniziativa internazionale creata nel 2002 da Unilever, Danone e Nestlé a sostegno di una agricoltura sempre più sostenibile. Un annuncio importante, che arriva dopo un anno dall’introduzione del marchio blu di pesca sostenibile e certificata Msc sui propri prodotti a base di pesce e che conferma la scelta etica del colosso agroalimentare. La società, dal 2016 parte del gruppo Nomad Foods Europe, si prefissa così un ambizioso obiettivo: entro il 2019 il 90% dei vegetali prodotti saranno realizzati in modo conforme al FSA (Farm Sustainability Assessment), uno standard di sostenibilità messo a punto dalla SAI Platform per verificare le pratiche agricole secondo metodologie sostenibili.

‘Come leader nel settore – ha dichiarato l’amministratore delegato Francesco Fattori – è nostro dovere fornire prodotti nutrienti e di alta qualità, usando in maniera responsabile le risorse a nostra disposizione e minimizzando gli sprechi. Siamo orgogliosi di entrare a far parte di SAI Platform, il sistema più completo e autorevole a livello internazionale: confrontarci con gli standard più avanzati in questo settore ci consentirà di continuare a migliorare la qualità e la sostenibilità dei nostri prodotti e, allo stesso tempo, condividere le nostre eccellenti tecniche agricole. Spero anche che la nostra adesione a questa iniziativa globale sia da stimolo per l’intero settore, all’insegna di un’attenzione comune verso la sostenibilità, tema che oggi è più attuale che mai’.

L’impegno è parte della campagna ‘Coltiviamo il futuro per un’agricoltura sostenibile’, presentata la scorsa settimana a Milano, e che interesserà ben 16 tipologie di vegetali, utilizzati per la realizzazione di tre prodotti di punta: il minestrone tradizione (dal 2018 100% italiano), gli spinaci dell’agropontino e i piselli, parzialmente importati per una strutturale carenza produttiva del nostro Paese.

Il progetto al momento coinvolge circa 6.500 ettari di terreno coltivabile e oltre 1.300 aziende agricole sulle quali Findus investirà in formazione e trasferimento del know how. ‘Arrivare al 100% di produzione vegetale certificata FSA richiederà un ulteriore sforzo – conclude Fattori – ma è un obiettivo che contiamo di raggiungere entro il 2025′.

Chiara Brandi




 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ