Il Capannone, emblema della resilienza bio

STANDARD PER SITO GREENPLANET (50)

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Si sono costituiti il 9 ottobre scorso e stanno già pensando di espandersi, si parla de Il Capannone, la cooperativa agricola con sede a Rimini nata per offrire servizi agricoli e produrre e commercializzare i propri prodotti biologici.

Il Capannone conta 12 dipendenti, di cui 5 soci, e ha a disposizione 100 ettari di terreno. Di questi, 40 ettari sono coltivati a seminativo, mentre il resto con produzioni ortofrutticole, di cui buona parte (12 ettari) biologiche certificate. La cooperativa offre, inoltre, servizi per la manutenzione del verde e ha a disposizione un punto vendita vicino ai terreni, in via Orsoleto 138, in cui commercializza l’80% della propria produzione biologica (il restante è destinato al Centro agro alimentare della città, CAAR riminese).

“La nostra produzione biologica è in parte frutticola con fragole, ciliegie, albicocche e frutti misti e in parte orticola, con pomodori, zucchine, melanzane, asparagi, ecc. – racconta la presidente della cooperativa Cinzia Amaducci -. Con parte dei nostri prodotti facciamo realizzare lavorati come marmellate, sughi e sottoli sempre biologici, che poi rivendiamo nel nostro negozio”.

Il Capannone è un’azienda nata nell’anno del Covid e dalle ceneri di un’altra azienda oggi in liquidazione. “Per dare continuità lavorativa ai dipendenti della vecchia azienda abbiamo deciso di costituire questa nuova cooperativa – continua la presidente -. Non è stato facile in piena pandemia, ma la passione per questo lavoro ci ha motivato. Essendo di nuova costituzione non abbiamo potuto usufruire di molte agevolazioni messe a disposizione delle aziende e il nostro negozio ha un po’ sofferto, soprattutto nella fase iniziale, quando doveva ancora farsi conoscere dalla comunità. Adesso inizia ad andare meglio e speriamo continui così perché abbiamo in programma di espandere il punto vendita e di creare un laboratorio in cui poter lavorare direttamente i nostri prodotti biologici per realizzare conserve e prodotti di qualità”.

Fonte: AltaRimini.it 

Seguici sui social






Notizie da GreenPlanet

news correlate

Caso Bio-On, deserta anche la seconda asta

Nonostante la riduzione della base d’asta da 95 a 72,5 milioni di euro, anche la seconda chiamata per la vendita in blocco del produttore bolognese di bioplastiche Bio-on è andata deserta:

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ