IFOAM: Ecco gli impatti positivi dell’agricoltura bio sulla biodiversità

IFOAM ORGANICS EUROPE

Condividi su:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn

Un nuovo rapporto di IFOAM Organics Europe mette in evidenza il contributo dell’agricoltura biologica alla protezione della biodiversità in Europa. Il rapporto raccomanda agli Stati membri di utilizzare pienamente i sistemi ecologici e le misure agroambientali nei loro piani strategici della PAC per massimizzare il contributo degli agricoltori biologici agli obiettivi della strategia dell’UE sulla biodiversità e della nuova PAC.

L’autore principale Nic Lampkin, di Organic Policy, Business and Research Consultancy, afferma: “Gli Stati membri dovrebbero riconoscere esplicitamente le opportunità per la conservazione e il miglioramento della biodiversità sostenute dall’agricoltura biologica nei loro Piani Strategici della PAC, nei Programmi di Sviluppo Rurale e nei Piani d’Azione Nazionali sul biologico. E la Commissione dovrebbe riconoscere che l’agricoltura biologica offre benefici alla biodiversità nel contesto degli Eco-schemi, ma anche condurre una valutazione completa durante la progettazione dei piani strategici della PAC di come i governi nazionali sosterranno gli obiettivi di biodiversità attraverso pagamenti biologici e pagamenti aggiuntivi AECM.

Bruce Pearce, di Fearann ​​Consulting, aggiunge: “Ci sono ora risultati di ricerca che dimostrano gli impatti positivi dell’agricoltura biologica sulla biodiversità in Europa. I benefici per la biodiversità offerti dall’agricoltura biologica sono una conseguenza sia delle pratiche vietate dalla normativa biologica, come l’uso di fertilizzanti azotati sintetici, erbicidi e la maggior parte dei pesticidi e fungicidi, sia delle pratiche agroecologiche adottate dagli agricoltori biologici per risolvere i problemi di produzione senza loro. L’UE ha fissato un obiettivo ambizioso per l’espansione dell’agricoltura biologica al 25% della superficie agricola entro il 2030 come parte delle sue strategie Farm to Fork e Biodiversity destinate a realizzare il Green Deal dell’UE. Il raggiungimento di ciò contribuirà anche agli obiettivi di riduzione di pesticidi, fertilizzanti e antibiotici e agli obiettivi di ripristino della natura”.

Eric Gall, Policy Manager di IFOAM Organics Europe, afferma: “Sostenendo l’agricoltura biologica nei loro Piani Strategici della PAC, gli Stati membri hanno un potente strumento per garantire che la loro politica agricola nazionale inizi ad affrontare il crollo della nostra biodiversità, che è stata una realtà nelle campagne europee da decenni. Gli agricoltori convenzionali dovrebbero essere incentivati ​​a passare all’agricoltura biologica e gli agricoltori biologici dovrebbero essere adeguatamente ricompensati per i beni pubblici che forniscono producendo alimenti di qualità proteggendo la natura. Un maggiore sostegno all’agricoltura biologica è uno strumento di politica pubblica intelligente per garantire che la prossima PAC contribuisca al Green Deal dell’UE e agli obiettivi delle strategie Farm to Fork e Biodiversity sulla biodiversità e sulla protezione della natura, ma anche sulla riduzione di pesticidi, fertilizzanti e antibiotici”.

Scarica qui lo studio

Fonte: IFOAM Organics Europe

Seguici sui social

 






Notizie da GreenPlanet

news correlate

INSERISCI IL TUO INDIRIZZO EMAIL E RESTA AGGIORNATO CON LE ULTIME NOVITÀ